The 5 most beautiful flower markets in the world

Nothing can illuminate and furnish your home better than a composition of fresh flowers. Even if you are not a garden expert, there are many cities that host flower markets within them. It is in these magical places full of the smell of nature and the colors of the rainbow that you can find flowers, plants and bulbs for all tastes. Even if you are not interested in one of their products, these glimpses of green are able to detach your mind from the city for a moment, allowing you to observe it from a different perspective, from a unique point of view. But what are the best markets in the world? Let’s find out together.

5 – Marchè aux Fleurs Cours Saleya, Nice

Among the suggestive destinations that France can offer, Nice certainly ranks in a position of honor. It is in this ancient southern city that you can find the flower market capable of receiving the Marchès d’Exception, a title assigned by the National Council of Culinary Arts, which recognized this small heritage as a jewel for the city. The compositions and exotic flowers displayed under the striped awnings seem to blend with the buildings of the ancient southern city, allowing for a moment to abandon the present time and let oneself be carried away by the mind in those settings of French films, in which the stories of love in the vineyards and in the fields lived among whispered songs and romantic promises in the moonlight.

 4-Bloemenmarkt, Amsterdam

One of the most famous painters of all time, Van Gogh, could not have found inspiration for his paintings only thanks to his incredible talent. In fact, Holland, a land of tulips, hosts a fascinating and ancient flower market known as Bloemenmarkt, located in Amsterdam. To distinguish it from its competitors is primarily its position, as it stands on the Singel canal … but not near the canal, but directly above it! In fact, the nurserymen and the vendors carry out their activity aboard jetties and floating barges, exhibiting their colorful compositions available to customers, who can experience an experience different from any other, in the midst of roses, tulips, narcissus and bulbs considered of excellent quality from many gardening experts.

Discott, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

3-Adderley Street Flower Market, Cape Town

South Africa is able to proudly present itself in this ranking, earning a third prominent place. Credit for this goes to Adderley Street Flower Market, a market located in the capital where you can find an impressive number of floral species. Among them there are also some rare endemic species, which are almost impossible to find in other parts of the world. Among the multicolored bouquets it will be impossible not to have to deal with the vendors of the market, famous for their fluent language and the ability to offer customers compositions suitable for any occasion. Such is their skill that it has made them a hallmark of this impressive market.

2- Marchè Aux Fleurs, Paris
If Nice is able to charm, Paris is able to charm. And it could not be otherwise from the city of love, where passion is also brought to the birth and care of bulbs and compositions. This miracle occurs at the exit of the Cité metro, in what is the center of the Ile de la Cité in Paris. The Marchè Aux Fleurs therefore presents itself to the tourist as a greenhouse of giant proportions, supported by a wrought iron structure that on all days of the week, except Sunday, presents with its flowers a show worthy of the best paintings by Toulouse Lautrec, in an old fashion and romantic atmosphere worthy of the French capital and second place.

1-Columbia Road Flower Market, London

However, the first place in this ranking goes to London, which hosts the Columbia Road Flower Market. This flower market is located in the hipster district of the London capital, whose stalls and banquets emerge on Sundays among pubs, vintage and antique shops to show the world their quality. Among the flowers present in the numerous exercises it is possible to find evergreens, roses, calla lilies, orchids and lilies, as well as small trees. It is clear how difficult it is not to find something that can furnish and embellish a house or apartment, making it a perfect destination for couples and families. Particular note of merit, in addition to this incredible collection, should be made about the presence of a selection of aromatic herbs, essential in the preparation of exotic cuisine, present there with a supply from all over the world.

I 5 mercati floreali più belli del mondo

Nulla può illuminare e arredare la casa meglio di una composizione di fiori freschi. Anche se non sei un esperto di giardinaggio, molte sono le città che al loro interno ospitano dei mercati floreali. E’ in questi luoghi magici e carichi dell’odore della natura e dei colori dell’arcobaleno che è possibile trovare fiori, piante e bulbi per tutti i gusti. Anche qualora non fossi interessato a uno dei loro prodotti, questi scorci di verde sono capaci di distaccare un attimo la mente dalla città, permettendo di osservarla con una prospettiva diversa, da un punto di vista unico nel suo genere. Ma quali sono i migliori mercati al mondo? Scopriamolo insieme.

5 – Marchè aux Fleurs Cours Saleya, Nizza

Tra le mete suggestive che la Francia può offrire, Nizza si colloca di certo in una posizione d’onore. E’ in questa antica città del sud che si può trovare il mercato floreale capace di ricevere il Marchès d’Exception, titolo assegnato dal Consiglio Nazionale delle Arti Culinarie, che ha riconosciuto in questo piccolo patrimonio un gioiello per la città. Le composizioni e i fiori esotici esposti sotto i tendoni a righe sembrano amalgamarsi con gli edifici dell’antica città del sud, permettendo per un attimo di abbandonare il tempo presente e lasciarsi trasportare dalla mente in quelle ambientazioni dei film francesi, in cui le storie d’amore tra le vigne e nei campi vivevano tra canzoni sussurrate e promesse romantiche al chiaro di luna.

4 – Bloemenmarkt, Amsterdam

Uno dei più celebri pittori di sempre, Van Gogh, non avrebbe potuto trovare ispirazioni per i suoi quadri solo grazie al suo incredibile estro. L’Olanda, terra di tulipani, ospita infatti al suo interno un affascinante quanto antico mercato dei fiori noto come Bloemenmarkt, sito ad Amsterdam. A distinguerlo dai concorrenti è in primis la posizione, in quanto egli sorge sul canale Singel… ma non nei pressi del canale, ma direttamente sopra! I vivaisti e i venditori svolgono infatti la loro attività a bordo di imbarcaderi e chiatte galleggianti, esponendo le proprie variopinte composizioni a disposizione della clientela, la quale può sperimentare un’esperienza diversa da qualunque altra, in mezzo a rose, tulipani, narcisi e bulbi ritenuti di ottima qualità da molti esperti di giardinaggio.

Discott, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

3-Adderley Street Flower Market, Città del Capo

Il Sudafrica è in grado di presentarsi con orgoglio in questa classifica, guadagnandosi un terzo posto di rilievo. Merito di ciò va ad Adderley Street Flower Market, un mercato sito nella capitale dove è possibile trovare un numero impressionante di specie floreali. Tra di esse figurano anche delle rare specie endemiche, le quali sono pressoché introvabili in altre parti del mondo. Tra i bouquet multicolore sarà impossibile non trovarsi ad avere a che fare con le venditrici del mercato, famose per la loro lingua sciolta e l’abilità nell’offrire ai clienti composizioni adatte ad ogni occasione. Tale è la loro abilità da averle rese un tratto distintivo di questo impressionante mercato.

2- Marchè Aux Fleurs, Parigi
Se Nizza è in grado di affascinare, Parigi è in grado di ammaliare. E non potrebbe essere altrimenti dalla città dell’amore, in cui la passione viene portata anche alla nascita e cura di bulbi e composizioni. Questo miracolo avviene all’uscita della metropolitana Cité, in quello che è il centro dell’Ile de la Cité di Parigi. Il Marchè Aux Fleurs si presenta quindi al turista come una serra di proporzioni giganti, sostenuta da una struttura in ferro battuto che in tutti giorni settimanali, ad eccezione della domenica, presenta con i suoi fiori uno spettacolo degno dei migliori quadri di Toulouse Lautrec, in un’atmosfera old fashion e romantica degna della capitale francese e del secondo posto.

1-Columbia Road Flower Market, Londra

Il primo posto di questa classifica spetta tuttavia a Londra, che ospita il Columbia Road Flower Market. Questo mercato floreale sorge nel quartiere hipster della capitale londinese, le cui bancarelle e banchetti emergono la domenica tra pub, negozi vintage e di antiquariato per mostrare al mondo la propria qualità. Tra i fiori presenti nei numerosi esercizi è possibile infatti trovare sempreverdi, rose, calle, orchidee e gigli, oltre a piccoli alberi. E’ evidente come sia difficile non trovare qualcosa in grado di arredare e abbellire una casa o un appartamento, rendendola una meta perfetta per coppie e famiglie. Particolare nota di merito, in aggiunta a questa incredibile collezione, va fatta circa la presenza di una selezione di erbe aromatiche, essenziali nella preparazione di cucina esotica, lì presenti con una fornitura proveniente da tutto il mondo.

Il mercato dei fiori di Alsmeer: l’asta floreale più grande del mondo

Un antico proverbio del luogo afferma: “Dio ha creato tutto il mondo, ma non l’Olanda.”

 

Questo Paese è stato creato direttamente dagli Olandesi. Ed è questo che nota un turista che visita questo Stato: una estesissima “terra bassa” che è stata plasmata dalla tempra degli abitanti di questo Stato, che è noto in tutto il mondo per i suoi fiori, soprattutto del tulipano, il fiore più noto tra quelli che si coltivano in Olanda.

Aalsmeer e Amsterdam

Aalsmeer è una città olandese ben nota soprattutto per le sue grandi aste di fiori. Ed è ben noto che i fiori sono un emblema indiscusso dei Paesi Bassi. Situata a soli 13 chilometri a sud-ovest di Amsterdam, questa città è una destinazione eccellente per avventurarsi in un’escursione sia da soli, sia in compagnia.

Il territorio di Aalsmeer confina con quello dei laghi Westeinderplassen, che è il più grande specchio d’acqua della regione di Randstad (che si estende nell’Olanda Meridionale, nell’Olanda Settentrionale, nel Flevoland e nella zona di Utrecht. Il territorio di Aalsmeet è segnato anche dal canale Ringvaart.

Amsterdam invece non necessita di troppe presentazioni: una città ricca adatta ad ogni tipo di turista, dove potete visitare ogni tipo di attrazione a partire dai tanti musei o magari qualche tour gastronomico, tour sui canali, perfetti per ammirare la città da una posizione unica da cui scattare foto da instagrammare e condividere sui social, o semplicemente un giro in bici tra le piste ciclebili che tutto il mondo invidia all’Olanda

Un po’ di storia

La storia della tradizione floreale di Aalsmeer è ancora una questione da decifrare, perché non è qualcosa che è stata decisa a tavolino, ma è stata principalmente una questione di circostanze, qualcosa di veramente fortuito.

Aalsmeer non era altro che un porto marittimo e lo è stato fin dalle sue origini nel 12° secolo. Tuttavia, la necessità di proteggere la terra dal mare, di eliminare i pericoli provenienti dal gelido Mare del Nord, che è assai minaccioso in terre così basse e facilmente allagabili, ha fatto sì che nel 1852 si iniziò a costruire un polder. Da quel momento, gli abitanti della città non videro più le onde del Mar del Nord.

I pescatori diventarono coltivatori di fragole, fino a quando il prezzo dei fiori non li convinse che il loro futuro giaceva nelle diverse varietà di piante che potevano essere coltivate nella loro terra. Nel 1880, quindi, iniziò la coltivazione di fiori ad Aalsmeer.

Inizialmente, le vendite venivano effettuate nei caffè di Aalsmeer. Però, nel tempo il volume degli affari iniziò ad essere così elevato che il sistema di vendita nei caffè non era più sufficiente. Quindi, è diventata una necessità gestire le vendite in luoghi determinati e due società centralizzarono tutto il commercio di fiori del luogo, che nel tempo giunse fino a Amsterdam.

Nel 1968, le due società si fusero in una sola e nel 1972 si aprì il grande mercato dei fiori che ha reso famosa Aalsmeer in tutto il mondo. Uno scenario che è stato ampliato nel 1999, fino a giungere ad un totale di un milione di metri quadrati di superficie. Questo mercato è ben collegato all’aeroporto internazionale di Schipol. Aalsmeer, poi, si trova a pochi chilometri dalla capitale Amsterdam, in una delle zone più affascinanti del mondo.

Il mercato dei fiori di Aalsmeer

Il mercato di fiori di Aalsmeer è certamente uno dei più frequentati e visitati al mondo. Ogni giorno, qui vengono comprati e venduti circa 20 milioni di fiori. In questo mercato anche i visitatori sono i benvenuti, anche se sono tenuti a rispettare delle regole assai rigide: devono arrivare ad un certo orario (di prima mattina) e possono osservare quel che si verifica all’interno del luogo solo da alcune passerelle, che sono collocate diversi metri sopra i fiori e l’affollato piano del magazzino dove scorazzano diversi mini-treni che servono per il trasporto delle merci, a una velocità sorprendente.

I visitatori tra l’altro non si avvicinano ai fiori e neppure possono toccarli. L’aspetto che interessa maggiormente i turisti che visitano il mercato dei fiori di Aalsmeer è vedere la logistica in azione, piuttosto che ammirare i fiori da vicino, malgrado questi provengano da tutte le parti del mondo.

Cosa vedere al mercato dei fiori di Alsmeer

Uno dei momenti più interessanti del mercato dei fiori è l’asta degli stessi. Questa si tiene ogni giorno della settimana e vengono messi all’asta circa 20 milioni di fiori e piante decorative. Basti pensare che ogni anno si vendono oltre 12 miliardi di fiori e piante. Questo enorme edificio è davvero grande. Ha una ampiezza di 518.000 m² e una superficie di 990.000 m². Solo questo rende questo mercato il quarto edificio più grande al mondo.

All’interno di questo luogo l’attività è caotica. Un numero assai grande di piccoli treni contengono fiori e piante e vengono movimentati da camion elettrici o binari automatici. Si tratta di un vero e proprio sistema (dotato di un vero e proprio codice stradale per regolarlo) che consente ai vari vagoni di essere spostati sulla base di un vero e proprio schema di orari.

L’asta rimane aperta al pubblico i lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle 7.00 del mattino e si potrae fino alle 11.00.

Un fenomeno connesso a questo famoso mercato è quello che si verifica una volta all’anno, esattamente il primo sabato di settembre, quando ha luogo una lunga sfilata di carri allegorici decorati con oltre un milione di fiori, che marciano da Aalsmeer al Dam Square di Amsterdam.

Dove, come, quando

Sito web ufficiale ( in inglese)

Treno da Aeroporto Schipol per Amsterdam

Flowery itinerary of Amsterdam and surroundings

When we think of Amsterdam and Holland, in addition to all the attractions that this country has to offer, we immediately imagine immense colored tulips and bicycles with which to travel every corner of the country.

The spring season can be the best one to admire both the infinite tulip fields in the bulb region but also to enjoy Amsterdam full of colorful flowers, thus having the opportunity to organize a trip with a double meaning: the floral and the cultural one.

Our itinerary

Suppose you arrive at Schiphol, the main airport in Amsterdam and all over the Netherlands. From here you can take the train to Amsterdam and go to your hotel / hostel / B&B.

One of the most visited floral attractions in Amsterdam is certainly the bloemenmarkt, the floating flower market, which we talked about in this article.

While you are on Sigel, one of the many canals in Amsterdam, you can take the opportunity to incorporate a visit to one of the museums of the day into the day: a good option could be that of the Rijkmuseum, to which you can perhaps attach a  litte cruise on the canals to admire the many flowers exposed balconies style along the way.

Continuing along the canal, beer lovers cannot miss the Heineken Experience at the homonymous beer factory.

From here it would be a good idea to go to the Van Gogh Museum, another unmissable “monument” in the city dedicated to the Dutch painter famous all over the world, to then reach our flowery destination: the Vondelpark.

The Vondelpark of Amsterdam
The Vondelpark of Amsterdam

In the high season you might find this park a little “crowded”, but given the Dutch style, the flower beds and flowers in spring should not lack color or charm.


Itinery from Bloemenmarkt to Vondelpark

Up to now we have traveled about 5 km by bicycle (if the weather is nice in Holland it may be the best way to move), but from now on the distances increase a bit so see if you can organize yourself with the same means or opt for other.
The flower market of Aalsmeer is without a doubt the largest, well-stocked and organized flower market in the world, the protagonist of the shipment and distribution of flowers all over the planet. Consider that, for logistical reasons, the market is located near Schiphol airport, therefore outside the city.

View of Haarlem during the passage of the wagons of the Bloemencorso
View of Haarlem during the passage of the wagons of the Bloemencorso

The next stop is a must among Dutch floral cities. Haarlem, in fact, a cute town located between the Dutch coast and Amsterdam, is also the final stop of the famous bloemencorso, the floral parade that passes through the region of flower bulbs in late April. Here, in Grote Mark, the town square, all flower floats stop, waiting to be “judged” and rewarded at the end of the parade.

In any case, always between March and May, Haarlem is undoubtedly one of the best cities to stop to organize a visit to Keukenhof, the flowery park that you can not miss for any reason in the world.
A tip: book everything well in advance if possible because here hotels, flights and excursions end quickly.
The bloemencorso already has the dates scheduled for the next 2 or 3 years and, considering that the streets will be blocked for several hours, fans in general on the days of the parade, tend to stop in the neighboring cities in order not to risk being stuck in traffic.

The colors of Keukenhof
The colors of Keukenhof

Keukenhof park is a unique attraction that all flower and non-flower lovers should visit at least once in their lifetime. It is no coincidence that millions of visitors from every corner of the earth come here every year to admire the work of Dutch gardeners between March and May.

Tulips, daffodils, orchids, roses, hyacinths, muscari and incredible mixes created to inspire the visitor color the park nestled among thousands of hectares of blooming tulip fields.
If you have the time and the opportunity, you can take advantage of the numerous excursions among the colored fields that give the opportunity to admire this spectacle of nature up close and take home or share social images unique in the world.

It starts from the bike or walking tours along  the tulip fields, which give the opportunity to cross the fields with strategic points and an audio guide describing the route, up to a tour of the tulips tour with an electric scooter or even if you want to stay small groups and want to admire the tulip fields without losing the comfort of the car, you can opt for a flowerfield  experience with small elecritc vehicle with GPS and audioguide.

Tulip fields in Lisse, Holland
Tulip fields in Lisse, Holland

Now, the name of Lisse is generally associated with the Keukenhof park, but if you try to set the navigator on this village, the greatest risk you run is to get lost among infinite and colorful cultivations of tulips.
There is however a museum dedicated to the tulip which can be a pleasant attraction for fans.
Here we are in the heart of the flower bulb region, better known as the Bollenstreek. a vast area ranging from the coast made of dune beaches to the plains cultivated with bulb flowers where you will find enchanting Dutch-style villages and many colorful windmills.
A sensational idea to admire the show from a different perspective would be to book a helicopter flight over the tulip fields and enrich your personal photo library to share with friends on social networks. The view of the fields from above is something unique and extraordinary that has no equal in the world!

The unique charm of the Dutch coast
The unique charm of the Dutch coast

From this point the advice is to rent the bike for a day at least and maybe organize a stop at the sea in the dunes of Noordwijk am zee.
We state that the Bloemencorso in April makes a first night tour through the streets of Noordwjikerhout and then the morning of the real parade from Noordwjik starts, therefore the idea of being in the area gives the opportunity to attend a unique event both at night that during the day,

But not only that, because from Noordwjik am zee a real cycling route starts that takes you to Keukenhof through colored fields. The itinerary , of ca. 12.5 km, provides for the departure from the lighthouse and the arrival at the Keukenhof park, but even more beautiful, you can check the state of the flowering of the fields with this floral radar and vary the itinerary as you like by following your favorite colors and blooms.

At this point, full of colors, flowers and maybe some typical local cheese, you can go back to Amsterdam or go directly to Schiphol where you can fly home with many good memories, fantastic photos and maybe some rare bulbs to plant on the balcony or in the garden once back.


Itinerary from Aalsmeer flower market to Nordwjik am zee

Itinerario fiorito di Amsterdam e dintorni

Quando pensiamo ad Amsterdam e all’Olanda, oltre a tutte le attrazioni che ha da offrire questo paese, immaginiamo subito immense di  tulipani colorati e a biciclette con cui percorrere ogni angolo del paese.
La stagione primaverile può essere quella migliore per ammirare sia i campi di tulipani infiniti nella regione dei bulbi ma anche per ammirare di Amsterdam e i suoi canali piena di fiori colorati, avendo così l’opportunità di organizzare un viaggio con duplice significato: quello floreale e quello culturale.

Il nostro itinerario

Supponiamo arriviate a Schiphol, l’aeroporto principale di Amsterdam e di tutta l’Olanda. Da qui potete prendere il treno per Amsterdam e andare al vostro hotel/ostello/B&B..

Una delle attrazioni floreali più visitate di Amsterdam è certamente l bloemenmarkt, il mercato dei fiori galleggiante, di cui abbiamo parlato in questo articolo.

Già che vi trovate sul Sigel, uno dei tanti canali di Amsterdam, potete approfittare per incorporare nella giornata la visita ad uno dei tanti musei della città: una buona opzione potrebbe essere quella del Rijkmuseum, a cui allegare magari una crociera sui canali per ammirare i tanti fiori esposti stile balconi lungo il tragitto.

Proseguendo lungo il canale, gli amanti della birra non possono perdersi la Heineken Experience alla fabbrica della omonima birra.

Da qui sarebbe una buona idea andare verso il Van Gogh Museum, altro imperdibile “monumento” della città dedicato al pittore olandese celebre in tutto il mondo, per raggiungere poi la nostra meta fiorita: il Vondelpark.

Vondelpark di Amsterdam
Vondelpark di Amsterdam

In alta stagione potreste trovare questo parco un po’ “affollato”, ma considerato lo stile olandese, le aiuole e i fiori nel periodo primaverile non dovrebbero mancare nè di colore e nemmeno di fascino.


L’itinerario dal Bloemenmarkt al Vondelpark


Fino ad ora abbiamo percorso circa 5 km in bicicletta ( se il tempo è bello in Olanda può essere il mezzo migliore per muoversi), ma d’ora in poi le distanze aumentano un po’ quindi vedete se organizzarvi con lo stesso mezzo oppure optare per altro.
Ill mercato dei fiori di Aalsmeer, è senza dubbio il più grande, fornito e organizzato mercato floreale al mondo, protagonista della spedizione e distribuzione dei fiori in tutto il pianeta. Considerate che, per ragioni logistiche il mercato si trova nei pressi dell’aeroporto di Schiphol, quindi fuori città.

Vista di Haarlem durante il passaggio dei carri del Bloemencorso
Vista di Haarlem durante il passaggio dei carri del Bloemencorso

La prossima tappa è un must tra le città floreali olandesi. Haarlem infatti, una carinissima cittadina sita tra la costa olandese e Amsterdam, è anche la tappa finale del famosissimo bloemencorso, la sfilata floreale che passa attraverso la regione dei bulbi da fiore a fine aprile. Qui, in Grote Mark, la piazza della città, sostano tutti i carri fioriti, in attesa di essere “giudicati” e premiati alla fine  della sfilata.
I ogni caso, sempre tra marzo e maggio, Haarlem è senza dubbio una delle città migliori in cui far sosta per organizzare la visita a Keukenhof, il parco fiorito che non potete perdere per nessun motivo al mondo.
Un consiglio: prenotate tutto con largo anticipo se possibile perché qui hotel, voli ed escursioni finiscono in fretta.
Il bloemencorso ha già le date programmate per i prossimi 2 o 3 anni e, considerato che le strade saranno bloccate per diverse ore, gli appassionati in genere nei giorni della sfilata, tendono a fermarsi nelle città limitrofe per non rischiare di restar bloccati nel traffico.

Il parco di Keukenhof è un’attrazione unica che tutti gli amanti dei fiori e non, dovrebbero visitare almeno una volta nella vita. Non è un caso che ogni anno milioni di visitatori provenienti da ogni angolo della terra, vengano qui ad ammirare, tra marzo e maggio, il lavoro dei giardinieri olandesi.
Tulipani, narcisi, orchidee, rose, giacinti, muscari e mix incredibili creati per ispirare il visitatore colorano il parco incastonato tra migliaia di ettari di campi di tulipani in fiore.
Se ne avete il tempo e l’opportunità, potete approfittare delle numerose escursioni tra i campi colorati che danno l’occasione per ammirare da vicino questo spettacolo della natura e portare a casa o condividere sui social immagini uniche al mondo.
Si parte dai tour in bici o a piedi tra i campi, che danno la possibilità di attraversare i campi con a disposizione i punti strategici e un’audioguida descrittiva del percorso, fino a tour dei tulipani con scooter elettrico o addirittura, se volete restare in piccoli gruppi e desiderate ammirare i campi di tulipani senza perdere la comodità dell’auto, potete optare per un tour su piccole auto elettriche attraverso la regione dei bulbi.

Campi di tulipani a Lisse, Olanda
Campi di tulipani a Lisse, Olanda

Ora, il nome di Lisse in genere è associato al parco di Keukenhof, ma se provate a impostare il navigatore su questo paese, il rischio maggiore che correte è quello di perdervi tra coltivazioni infinite e colorate di tulipani.
Non manca comunque un museo dedicato al tulipano che può essere una piacevole attrazione per gli appassionati.
Qui siamo nel cuore della regione dei bulbi da fiore, meglio nota come la Bollenstreek. una vasta area che va dalla costa fatta di spiagge dunose fino alle pianure coltivate con fiori da bulbo in cui troverete incantevoli paesini in stile olandese e tanti colorati mulini a vento.
Una clamorosa idea per ammirare lo spettacolo da una prospettiva diversa, potrebbe essere quella di prenotare un volo in elicottero sui campi di tulipani e arricchire la propria libreria personale di foto da condividere con amici sui social. La vista dei campi dall’alto è qualcosa di unico e straordinario che non ha eguali al mondo!

Da questo punto il consiglio è di affittare la bici per un giorno almeno e magari organizzare una sosta al mare tra le dune di Noordwijk am zee.
Premettiamo che il Bloemencorso di aprile fa un primo giro in notturno tra le vie di Noordwjikerhout e poi parte il mattino della vera e propria sfilata da Noordwjik, pertanto l’idea di essere in zona dà la possibilità di assistere ad un evento unico sia di notte che di giorno,
Ma non solo, perché da Noordwjik am zee parte un vero e proprio itinerario ciclistico che vi porta fino a Keukenhof attraverso campi colorati. L‘itinerario, di ca. 12,5 Km, prevede la partenza dal faro e l’arrivo al parco  di Keukenhof, ma cosa ancor più bella, potete verificare lo stato delle fioriture dei campi con questo radar floreale e variare a piacimento l’itinerario consigliato seguendo i colori e le fioriture preferite.
A questo punto, sazi di colori, fiori e magari un po’ di formaggio tipico del territorio, potete tornare ad  Amsterdam o andare direttamente a Schiphol dove volare a casa con tanti bei ricordi, foto fantastiche e magari qualche bulbo raro da piantare sul balcone o in giardino una volta tornati.


Itinerario dal mercato floreale di Aalsmeer fino a Nordwjik am zee


Tulpentag 2019: la giornata del tulipano di Amsterdam


Pensando all’Olanda, una delle prime cose che viene in mente, assieme ai mulini a vento e alla pittura fiamminga, è certamente il tulipano, fiore simbolo del paese. Amsterdam, come ogni anno, organizza per gli amanti di questo splendido fiore il National Tulip Day.

La giornata nazionale del tulipano

Il 19 gennaio del 2019 Amsterdam si accende di colori per celebrare questo fiore tanto amato dai locali e non solo: centinaia di coltivatori locali si riuniscono nella centralissima Piazza Dam per creare un giardino temporaneo con almeno 200.000 tulipani di ogni genere e colore, da quelli naturali a quelli ibridi creati incrociando varietà differenti.
Chiunque vi si rechi può raccoglierli liberamente, fino a 15 fiori: l’ingresso è alle ore 13, ma i più curiosi possono recarsi sul posto sin dal mattino per vedere nascere questo picking garden, con scarico delle merci e l’allestimento floreale.
Il National Tulip Day nasce proprio per aprire la stagione in cui fioriscono i tulipani, cioè da gennaio ad aprile inoltrato: questo atteso evento è arricchito anche da una serie di iniziative legate al mondo del giardinaggio e della natura, adatte a tutti, dai più grandi ai bambini.

Amsterdam e i tulipani

Trovare il tulipano ad Amsterdam, in pieno periodo di fioritura, è davvero facilissimo: non solo in Piazza Dam durante il National Tulip Day, dove tra un fiore e l’altro si può godere della bellezza circostante data dal Palazzo Reale e dalla Nieuwe Kerk. Per avere un mazzetto di tulipani basta recarsi presso un supermarket, bancarelle oppure al Bloemenmarkt, il caratteristico mercato dei fiori galleggiante che si svolge sul canale Singel.
Un altro luogo dove è possibile ammirare distese di tulipani colorati è il parco di Keukenhof, il più esteso giardino di fiori del pianeta, sito a Lisse, distante da Amsterdam 35 km. Su una superficie di 32 ettari sono coltivati ben 7 milioni di tulipani, che fioriscono tutti nello stesso momento, tra fine marzo e fine maggio: l’impatto visivo è davvero straordinario, tra aiuole, laghetti e ponticelli che sembrano usciti dalla tela di un pittore.

Se volete poi aprofondire la visita di Amsterdam, esistono comodi city pass che includono biglietti salta fila per le attrazioni più affollate di Amsterdam ( come il Rijksmuseum o il Museo Van Gogh ad esempio), una minicrociera lungo i canali, trasferimento aeroportuale in treno (A/R) e il 20% di sconto su tantissime altre attrazioni di Amsterdam

Tra storia e leggenda

Le origini di questo fiore sono persiane: fu un diplomatico olandese a donare i bulbi al botanico Carolus Clusius a fine ‘500. Subito il tulipano conquistò la popolazione, tanto da diventare un vero e proprio bene di lusso dal costo di 1000 fiorini. Si pensi che questa moda portò al crack in borsa, grazie al quale però i prezzi scesero, rendendo di nuovo accessibile il fiore a tutti.
Il tulipano, nel linguaggio dei fiori, simboleggia in occidente l’incostanza dell’amore, mentre nel natio oriente significa amore eterno.
Questo legame con i sentimenti lo si deve a struggenti leggende che ammantano il tulipano, tutte di origini persiane. Si narra ad esempio della bella Ferhad innamorata di Shirin: il giovane parte in cerca di fortuna e Ferhad lo aspetta invano per tanto tempo, fino a quando ferita da pietre appuntite, piangerà perché consapevole che morirà senza rivedere il suo amato. Le sue lacrime si mescolarono al sangue e, cadute sul terreno, si tramutarono in tulipani rossi.

Tulpentag 2019: the Holland tulip day


Thinking of Holland, one of the first things that comes to mind, together with windmills and Flemish painting, is certainly the tulip, a symbol of the country. Amsterdam, like every year, organizes the National Tulip Day for lovers of this beautiful flower.

The national Tulip day

On 19th January  2019 Amsterdam lights of colors to celebrate this flower so loved by the locals and not only hundreds of local farmers gather in the central Dam Square to create a temporary garden with at least 200,000 tulips of every kind and color, from natural to hybrid ones created by crossing different varieties.
Anyone who goes there can collect them freely, up to 15 flowers: the entrance is at 1 pm, but the most curious can go on the spot since the morning to see the birth of this picking garden, with unloading of goods and floral arrangements.
The National Tulip Day was born to open the season in which the tulips bloom, that is from January to April: this awaited event is also enriched by a series of initiatives related to the world of gardening and nature, suitable for everyone, from the largest to the children.

Amsterdam and the tulips

Finding the tulip in Amsterdam, in full bloom, is really easy: not only in Dam Square during the National Tulip Day, where one can enjoy the surrounding beauty from one flower to another, given by the Royal Palace and Nieuwe Kerk.To get a bunch of tulips just go to a supermarket, stalls or Bloemenmarkt, the characteristic floating flower market that takes place on the Singel canal.
Another place where you can admire expanses of colorful tulips is the park of Keukenhof, the largest flower garden on the planet, located in Lisse, 35 km from Amsterdam.On an area of 32 hectares, 7 million tulips are cultivated, all of which bloom at the same time, between the end of March and the end of May: the visual impact is truly extraordinary, among flowerbeds, ponds and bridges that seem to come out of a painter’s canvas.

Between history and legend

The origins of this flower are Persian: it was a Dutch diplomat who gave the bulbs to the botanist Carolus Clusius at the end of the 16th century. Immediately the tulip conquered the population, so as to become a real luxury good from the cost of 1000 florins. Think that this fashion led to the crack on the stock exchange, thanks to which, however, prices fell, making the flower accessible to everyone.
In the language of flowers, the tulip symbolizes the inconstancy of love in the West, while in the native East it means eternal love.
This bond with the feelings is due to poignant legends that cover the tulip, all of Persian origins. For example, the beautiful Ferhad in love with Shirin: the young man goes in search of fortune and Ferhad waits for him in vain for a long time, until wounded by sharp stones, weep because aware that he will die without seeing his beloved. Her tears mingled with blood and, fallen on the ground, turned into red tulips.

Festival del Tulipano di Amsterdam: date, locations e info sull’evento olandese

Amsterdam e l’Olanda si illuminano di colori dal 31 marzo al 30 aprile 2018 quando, in giro per la città sarà tempo per il Tulp Festival, caratteristico evento che vedrà letteralmente sbocciare in circa 80 zone differenti, aiuole colme di coloratissimi tulipani.

L’obiettivo del Tulp festival è quello di riportare il fiore simbolo del Paese tra le strade di Amsterdam poiché, specie negli ultimi anni, questo sembra essere sparito.
Per questo motivo in autunno sono stati piantati più di mezzo milione di bulbi e, tra fine marzo e fine aprile ci si aspetta una grande fioritura!

Storia

Il Tulip festival mette in contatto tra loro distretti cittadini, aziende, residenti e visitatori. In questo modo l’ideatrice e fondatrice dell’evento, la designer di giardini Saskia Albrecht, punta a riempire la città con circa 850.000 tulipani pari al numero di abitanti di Amsterdam. Il suo motto? “un tulipano per ogni cittadino di Amsterdam”.

E così, scolari, aziende, proprietari di negozi, alberghi, musei e quartieri cittadini piantano bulbi in autunno, incoraggiando i residenti  a partecipare e colorare in numero sempre maggiore le strade di Amsterdam anno dopo anno.

Il planting day

Dal 2015 viene organizzata una giornata dedicata alla piantagione dei bulbi di tulipano al Volndelpark. Sotto il motto di “un tulipano per ogni cittadino di Amsterdam”, anche scuole, aziende e volontari, si impegnano a piantare bulbi nel medesimo giorno, in giro per la città.

E’ possibile unirsi all’evento, partecipando alla campagna “pianta un bulbo per me” oppure facendo una donazione utile per contribuire a raggiungere l’obiettivo degli 850.000 tulipani.

Foto






Locations, date e informazioni

Il tulp festival durerà dal 31  Marzo al 30 Aprile o, almeno, finchè tutti i tulipani resteranno in fiore in giro per Amsterdam.

I giardini, i vasi e le aiuole sono collocati in 80 zone diverse, accessibili gratuitamente, tranne ovviamente ad alcuni giardini o musei che applicano i regolari costi di ingresso tradizionali.

Potete trovare una mappa più dettagliata a questo link ( in olandese e inglese), dove è presente anche la lunga lista dei partecipanti.

sito web ufficiale: https://www.tulpfestival.com/

20 gennaio 2018: la giornata nazionale del tulipano in Olanda

In olandese si chiama tulpen tag e, per i coltivatori nazionali ma anche e soprattutto per gli amanti di tutto il mondo di questo bellissimo fiore, il giorno in cui si celebra l’apertura ufficiale della stagione del tulipano.
Parte da qui in Piazza Dam ad Amsterdam, una stagione che va, appunto, da gennaio fino al finire di aprile quando in genere vengono raccolti gli ultimi tulipani (in base all’andamento della stagione si può arrivare anche ad inizio maggio).
Piazza Dam viene  colmata da centinaia di migliaia di coloratissimi tulipani, laddove chiunque può entrare e raccogliere un mazzo di fiori prima che questi, insieme ai quasi 2 miliardi che entreranno in commercio, partano in giro per il mondo a decorare le case e la vita delle persone di ogni luogo.

Foto



Dove come quando
La giornata nazionale del tulipano olandese si svolgerà in Piazza Dam, ad Amsterdam, sabato 20 gennaio, dalle 13.00 alle 17.00 ca.
Per altre info: www.tulpen.nl ( in olandese)
            https://www.iamsterdam.com/en/see-and-do/whats-on/festivals/overview-cultural-festivals/national-tulip-day

I giardini aperti di Amsterdam 2018: Opentuinendagen del 15-16-17 Giugno

Anche quest’anno Amsterdam aprirà le porte dei propri giardini privati che potranno essere visitati ed ammirati dal pubblico durante il Weekend del 15-16-17 giugno.

30 giardini privati prenderanno infatti parte all’Opentuinendagen, o meglio,  Open garden Days, dando così la possibilità a turisti e abitanti locali di assecondare la propria curiosità ammirando le “opere” dei migliori garden designers come Angrid Tilanus, Arend Jan van der Horst, Mien Ruys, Robert Broekema e Saskia Albrecht.

Nell’edizione che vedrà come tema il Garden design, sarà possibile acquistare  i biglietti in due modalità:

  • Direttamente all’ingresso, ma al costo di 20€
  • Online sul Webshop del Museo Van Loon a 18 € ( vedi link sotto)

Dove, come, quando

Gli  Open Garden Days di Amsterdam si svolgeranno il 15-16-17 Giugno.

Si possono acquistare i Biglietti all’ingresso  oppure online a questo link

Informazioni a: https://www.opentuinendagen.nl

Arrivati ad Amsterdam si può cambiare il biglietto acquistato online ad uno di questi indirizzi e partire per la visita:

Amnesty International, Keizersgracht 177
Cromhouthuis, Herengracht 368
Museum Van Loon, Keizersgracht 672
Museum Willet-Holthuysen, Herengracht 605
Huis Marseille, Keizersgracht 401