YACHT & GARDEN 2022: dal 20 al 22 maggio a Genova la mostra-mercato dedicata al giardino mediterraneo

Da venerdì 20 a domenica 22 maggio 2022 torna  a Marina Genova la mostra-mercato dedicata al giardino mediterraneo.
Saranno presenti oltre 140 tra vivai specializzati ed espositori qualificati sul tema della natura, provenienti da tutta Italia. Ampio e variegato il programma degli eventi collaterali per divulgare la cultura del verde e del mare, all’insegna della tutela dell’ambiente e della sostenibilità.

Passeggiando tra moli e banchine, trasformati per l’occasione in un meraviglioso giardino fiorito sul mare, gli appassionati di giardinaggio e della natura potranno trovare essenze e fiori adatti al clima mediterraneo: piante annuali, biennali e perenni fiorite, alberi e arbusti da bacca, piante cactacee e succulente, piante aromatiche e officinali, piante da frutto e da orto, agrumi e piccoli frutti, senza dimenticare particolarità come frutti antichi o sementi rare. Previsti, inoltre, numerosi appuntamenti con vivaisti specializzati, provenienti da tutta Italia, per ricevere preziosi consigli su specifiche coltivazioni.

Programma ed eventi
  • Venerdi 20 maggio l’Azienda Agricola L’Antico Fiore (Nettuno, Roma) spiegherà come riconoscere e coltivare gerani e pelargoni, mentre l’Azienda Agricola D’Aleo Giovanni (San Giuseppe Jato, Palermo) approfondirà come scegliere tra le più belle varietà di passiflora.

  • Sabato 21 maggio si potranno scoprire i meravigliosi intreccitra rose e clematidi, insieme al Vivaio Fiorichiari (San Pietro Mosezzo, Novara); la delicata bellezza e il dolce profumo degli hoya, i “fiori di cera”, a cura di HoyaMia (Gattico-Veruno, Novara); la tillandsia e l’insolito mondo delle piante d’aria, con Florovivaistica Villacidro (Villacidro, Cagliari); le piante acquatiche insieme a Colla Vivai (Moretta, Cuneo), fino a tutti i segreti per creare un bonsai, a cura di Green Express Bonsai (San Maurizio Canavese, Torino).
  • Domenica 22 maggio sarà dedicato alla biodiversità, con la “Pomona di Gallesio, antichi frutti recuperati”, insieme a Vivai Montina (Cisano sul Neva, Savona),al mondo delle rose da taglio con la scrittrice e gardenteller Nicoletta Campanella e il creatore di rose Antonio Marchese (Sanremo, Imperia), fino ai capperi e aromatiche siciliane a cura dell’Azienda Agricola Aromatiche ClaGia (Sciacca, Agrigento), concludendo con approfondimenti sulle piante carnivore, le più affascinanti predatrici vegetali, insieme all’Azienda Agricola Stranger Plants (Fumane, Verona), e sulle cymbidium e altre orchidee, con l’Azienda Agricola Sei Cime d’Oro Orchidee (Cernusco sul Naviglio, Milano), che svelerà come ottenere fioriture spettacolari.

Intorno al tema del giardino e della natura, Yacht & Garden propone inoltre arredo e antiquariato, attrezzatura da giardino, vasi e cesteria, abbigliamento floreale e marino, borse e cappelli, gioielleria e bigiotteria, alimenti e cosmetici bio, libri, riviste e incontri con le associazioni.

Alla passeggiata tra i colori e i profumi mediterranei, dove ricercare le novità e i migliori acquisti green, Yacht & Garden unisce anche un ricco programma di eventi collaterali, organizzati grazie alla collaborazione con importanti partner e istituzioni, con l’obiettivo di promuovere la cultura del verde e del mare, all’insegna della tutela dell’ambiente e della sostenibilità. Incontri, esposizioni, musica, danza e teatro itinerante coinvolgeranno i visitatori durante tutto il weekend, con una serie di appuntamenti dedicati ai bambini, tra laboratori, spettacoli e animazioni.

A fare da prestigiosa e suggestiva cornice alla quattordicesima edizione di Yacht & Garden, rinnovando l’incontro tra la bellezza del verde e del mare, arriveranno inoltre tra le più belle vele d’epoca del Mediterraneo che resteranno ormeggiate, ospiti d’onore a Marina Genova, durante l’intera manifestazione.

Curato da Daniela Cavallaro e promosso da S.S.P. Società Sviluppo Porti Srl, Yacht & Garden è tra gli appuntamenti nazionali più attesi del settore, con focus sul giardino mediterraneo e con oltre 140 espositori tra i più qualificati d’Italia. Marina Genova si conferma ancora una volta luogo di incontro vivo, sicuro, accogliente nel ponente genovese e portale di accesso alle eccellenze dell’intero territorio ligure.

Dove, come e quando

Yacht&Garden

mostra-mercato di fiori e piante del giardino mediterraneo

venerdì 20 (ore 14 – 19), sabato 21 e domenica 22 maggio 2022 (ore 10 – 19 )

Marina Genova

Via Pionieri e Aviatori d’Italia

16154 Genova

L’ingresso alla manifestazione, il parcheggio e la partecipazione agli eventi collaterali sono gratuiti.

www.yachtandgarden.it


Nel segno del Giglio: dal 23 al 25 aprile 2022 la XXVII edizione alla Reggia di Colorno (PR)

Da sabato 23 a lunedì 25 aprile 2021,a Colorno (Parma) nella splendida location del parco della Reggia, incluso nel circuito dei “Grandi Giardini Italiani” e già palazzo ducale di Maria Luigia d’Austria, duchessa di Parma, Piacenza e Guastalla torna “Nel segno del Giglio”, la storica mostra – mercato dedicata al giardinaggio di qualità.

Protagonisti della manifestazione, organizzata da BieBi Eventi, a cura dell’architetto Vitaliano Biondi – Arvales Fratres, con il patrocinio del Comune di Colorno edella Provincia di Parma, i migliori espositori italiani di florovivaismo, ma ci sarà anche arredo da giardino, attrezzature per il giardinaggio, per l’orto e per la vita all’aria aperta, artigianato artistico, piccoli produttori alimentari e aziende agricole. (www.nelsegnodelgiglio.it).

Ci saranno una cinquantina di espositori del verde ammessi, provenienti da diverse regioni italiane, e una giuria formata da esperti come il paesaggista Giuseppe Baldi, la scrittrice e fondatrice di “Gardenia” Francesca Marzotto Caotorta, l’agronomo, esperto di biodiversità Mauro Carboni, la paesaggista Silvia Ghirelli, lo scrittore del verde Alessandro Mesini, la plant designer nonché autrice di libri di successo e blogger di “Giardini in Viaggio” Laura Pirovano.
Il giornalista e appassionato giardiniere Gaetano Zoccali il 23 aprile selezionerà e premierà le migliori collezioni botaniche, le piante più significative per rarità e perfezione e i vivai di rilievo.Tra gli ospiti anche il maestro giardiniere Carlo Pagani, conduttore di importanti trasmissioni televisive.


ESPOSITORI E NUOVE PIANTE

“Nel Segno del Giglio” offrirà la possibilità di scoprire splendide ortensie e rose antiche e moderne, grazie a vivaisti specializzati come il vivaio Le Rose Profumate di Glorio in mostra con collezioni varie di rose inglesi, tedesche, francesi e americane o i vivai Pozzo, che presenta un ampio assortimento di Rose inglesi David Austin®, oltre a ortensie molto particolari come Hydrangea Macrophylla “Princess Diana”, il cui magnifico fiore sorprende per le sue infiorescenze composte da fiori stellati doppi e tripli che ricordano la dalia.

Gli appassionati apprezzeranno poi le collezioni di Peonie – arboree, erbacee e ibridi dei vivai Delle Commande e G&G Buffa, la collezione di Bletilla del vivaio Zanelli, fra le quali spicca Bletilla striata “Soryu, dal colore lilla particolarmente intenso e più tappezzante delle altre Bletille; i basilici perenni dell’azienda agricola Clagia, presente anche con la Persicaria odorata, apprezzabile per l’intrigante aroma di limone leggermente piccante.

Dal vivaio Baradel, invece, un’interessante collezione di Gingko Biloba in varietà, fra i quali una varietà nana che raggiunge un’altezza massima di 60 cm, molto adatta alla coltivazione in piccoli giardini. E dal vivaio Minari Buxus arriverà una bellissima Mahonia JaponicaSoft Caress sempreverde che fiorisce in giallo, dalle foglie esotiche che la rendono simile a una piccola palma. Poi dal Vivaio Fior di Rosa, azienda giovane e dinamica specializzata in rose antiche e da collezioni e clematidi, arriverà la proposta della splendida Clematis Terniflora, anche conosciuta come Clematide paniculata. È una varietà molto rustica e sana, di facile coltivazione, perfetta per coprire tralicci, staccionate o recinzioni. Tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno grandi produce grappoli di fiori bianchi intensamente profumati. In inverno va a riposo per ripresentarsi la primavera successiva.
Ma ci sarà anche Il Peccato Vegetale, vivaio specializzato nella produzione di erbacee perenni, graminacee, Cistus e Ceanothus, Pelargonium a foglia profumata e non solo,Phlox divaricata ‘Blue Moon’, erbacea perenne molto rustica, dalla profumatissima fioritura primaverile blu chiaro.
Tante le sorprese dunque per gli appassionati di giardinaggio: pelargoni insoliti, rari da collezione e gerani rustici prodotti a ciclo naturale dal vivaio l’Antico fiore, ma anche viole, azalee, anemoni, calle, orchidee, bulbacee estive e autunnali, piante fitodepuratrici e acquatiche come Nimphaea “Purple fantasy”, unanuova proposta di Arborea Farm, concactacee, arbusti, erbacee annuali e perenni, ecc.
Tre infine saranno gli espositori produttori di piante acidofile presenti nella manifestazione: Tibi, Rododendron e Le erbacee del Lago Maggiore.

L’elenco completo degli espositori sul sito www.nelsegnodelgiglio.it



IL PROGRAMMA: CONVERSAZIONI E INCONTRI

Una pluralità di proposte permeerà la tre giorni di Colorno che si inaugura sabato 23 aprile alle ore 10.30 con un benvenuto da parte del Sindaco del Comune di Colorno, Christian Stocchi. Le note di arie verdiane eseguite dal Corpo Bandistico Giuseppe Verdi apriranno la manifestazione a ricordare di essere in una terra che ha dato i natali a Giuseppe Verdi.
In particolare “Nel Segno del Giglio” si lega alla più “floreale” delle opere del Maestro: La Traviata, adattamento del romanzo “La signora delle camelie” di Alexandre Dumas figlio.
Faranno da bordone alle arie verdiane gli Appassionati Verdiani Club dei 27, forse la più piccola fra tante associazioni al mondo dedicate a Giuseppe Verdi Sono infatti solo ventisette i soci del club perché ognuno porta il titolo di un’opera del grande Maestro.

Affianca la mostra un programma collaterale di passeggiate botaniche, presentazioni di libri, dialoghi e incontri con la partecipazione di autorevoli esperti di giardini, filosofi, storici dell’arte, architetti del paesaggio e studiosi del territorio.

Il maestro giardiniere Carlo Pagani, divulgatore del giardinaggio come cultura, oltre che grandissimo esperto di piante, conduttore di importanti trasmissioni televisive racconterà le meraviglie della rosa, la regina dei fiori, presentandola in tutte le sue sfaccettature, mentre Francesca Marzotto Caotorta paesaggista, nota esperta di giardini, fondatrice di riviste e ideatrice di importanti mostre-mercato di fiori e piante, porrà l’accento, oltre che sulla rosa, in particolare sulla viola: varietà antiche e moderne, viole del pensiero e viole orticole.
Si parlerà naturalmente anche della violetta di Parma, il fiore indissolubilmente legato al nome di Maria Luigia d’Asburgo, la seconda moglie di Napoleone, Duchessa di Parma, Piacenza e Guastalla tra il 1816 e il 1847. Maria Luigia amava particolarmente questo fiore per il profumo intenso, tanto che nella sua corrispondenza sostituiva la propria firma con il disegno di una violetta. Appena giunta a Parma, Maria Luigia cominciò a occuparsi personalmente della coltivazione della viola, sia in città, all’interno dell’Orto Botanico realizzato appositamente, sia nel giardino della sua residenza estiva a Colorno. È a lei che si deve la creazione dell’“Acqua di violetta”, a base di violette coltivate a Parma, ottenuta su sua richiesta da una formula speciale creata dai frati del convento dell’Annunciata. La ricetta del profumo rimase segreta fino al 1870, anno in cui un imprenditore cittadino, Ludovico Borsari, riuscì a mettere le mani sulla formula, iniziando la produzione del noto profumo “Violetta di Parma”, che ebbe un tale successo da fare della Borsari un’azienda internazionalmente riconosciuta.

In uno scenario ricco di fascino e di storia si parla anche delle diverse varietà e pratiche culturali che ruotano attorno alle camelie con Andrea Corneo, presidente della Società italiana della Camelia, agronomo, coltivatore e collezionista di camelie sul Lago Maggiore a Villa Anelli.
Non mancano riflessioni sul linguaggio dei fiori con Ugo Pellini, sulle orchidee selvatiche con Paolo Gallingani, sulle piante da frutto con Mauro Carboni, sul giardinaggio senza acqua con Gianluca Burani, sul balcone delle aromatiche con Stefania La Badessa. E ci sarà anche un laboratorio di Kokedama di aromatiche a cura di Maria Monteverdi.

La tre giorni offrirà anche visite guidate alle collezioni dei vivai a cura della nota paesaggista Silvia Ghirelli.

IL GIARDINO PERDUTO Sabato 23 aprile alle ore 15.30 Sala Minerva della Reggia di Colorno

“Nel segno dei Giglio”intende inoltre lanciare un confronto aperto su questioni urgenti come la perdita costante di biodiversità causata dai comportamenti dell’uomo e dai cambiamenti climatici, la difesa del territorio per ritrovare un rapporto equilibrato fra uomini, animali e natura.

Il giardino perduto” è il titolo di una conversazione che vedrà impegnati quattro importanti relatori sabato 23 aprile alle ore 15.30 nella bellissima Sala Minerva della Reggia di Colorno.

Innanzitutto il filosofo Massimo Venturi Ferriolo, già ordinario di Estetica al Politecnico di Milano, visiting professor e conferenziere in varie università europee e americane che pone al centro dei suoi interessi didattici e scientifici il tema del paesaggio tra etica ed estetica, fra teoria e progetto. Ferriolo svolgerà un intervento dal titolo Oltre il Giardino ….il mondo.“Il giardino non è solo un paradiso per gli occhi ma – come indica Ferriolo nel suo ultimo volume Oltre il giardino (Einaudi ed.) – è immagine e metafora del vivere in armonia per disporsi a una relazione, che va ripensata, fra uomini, animali e natura”. Poi interverrà Carla Benocci, affermata studiosa di storia dell’arte, dei giardini e dell’architettura, che concentrerà il suo intervento sullo splendido giardino di Villa il Vascello, una delle più singolari ville romane, alle porte del Vaticano, progettata da Plautilla Bricci, “architettrice”, anche membro dell’accademia di San Luca, e l’unica donna italiana della sua epoca a lavorare nel campo dell’architettura. Laura Pirovano, plant designer, cacciatrice di giardini, blogger, con il suo contributo andrà Alla ricerca dei giardini perduti,mentre Giuseppe Baldi, agronomo e paesaggista parlerà di Hortus conclusus: il giardino finito nella ricerca dell’infinito, ossia dell’importanza dell’armonia nel giardino, fisica e spirituale, inevitabilmente ottenuta nei secoli fino ad oggi, in uno spazio finito, immaginario ed imaginifico.


PRESENTAZIONI DI LIBRI

Nella schiera dei relatori di “Nel segno del Giglio” anche Gaetano Zoccali, giornalista professionista e appassionato giardiniere, autore di I giardini del sole, ossia storia, pensiero e vicende di un odierno cacciatore di piante, di fiori e di frutti, di manghi e avocadi maturati ai piedi dell’Etna che riscrivono la storia di Sicilia, di giardini etici ed ecologici che sposano il sole del Sud e valorizzano i “tropici” d’Italia, delle sfide ispirate alla sostenibilità per il vivaista del futuro. Laura Pirovano svolgerà una panoramica completa degli aspetti tecnico e progettuali nella gestione di un giardino ombreggiato a cui ha dedicato il libro Il Giardino d’ombra: tipi di ombre, caratteristiche e cura delle piante sciafile, design del giardino ombreggiato, repertorio di piante ed esempi di giardini creati da noti progettisti.

Angela Zaffignani, ideatrice del birdgarden in Italia già responsabile del Verde pubblico del comune di Parma, presenterà il suo volume fresco di ristampa Birdgarden, ossia una guida alla realizzazione di un giardino secondo natura che comporta la scelta di piante e arbusti favorevoli alla vita degli animali come uccelli, farfalle, libellule e altre splendide creature.


IL GIARDINO DELLA REGGIA DI COLORNO E TRE IMPORTANTI FIGURE FEMMINILI

La manifestazione riserva uno spazio speciale alla storia e alla cultura di Colorno e al ruolo svolto nella valorizzazione del palazzo e del giardino della Reggia di Colorno da tre importanti figure femminili: Barbara Sanseverino (1577-1612), la nobile, raffinata dama, celebrata da Torquato Tasso, che trasformò il castello e il parco in una delle meraviglie del tempo, la principessa Luisa Elisabetta, detta Babette di Borbone, figlia di Luigi XV, che incaricò l’architetto Ennemond Alexandre Petitot di arricchire di decorazioni gli interni del palazzo e ridisegnare il giardino secondo lo stile francese e Maria Luigia D’Austria, moglie di Napoleone e sovrana di Parma, che trasformò il giardino in parco all’inglese, secondo i dettami del gusto romantico.

Alberto Cadoppi, docente ordinario di diritto penale all’Università di Parma e storico, illustrerà le vicende tratteggiate nel volume “La Gran congiura. Il processo di Ranuccio I Farnese contro i feudatari parmensi (1611 – 1612)”. Lo storico Cesare Conti, autore dell’”Almanacco Colornese” e Paolo Affanni del volume“Il giardino di Colorno” narreranno la storia del giardino e delle sue trasformazioni e guideranno la visita in questo eden.

DEFORESTAZIONE E RIFORESTAZIONE URBANA

Il programma di “Nel segno del Giglio” affronta poi con Pinuccia Montanari, coordinatrice del comitato scientifico dell’Eco Istituto di Reggio Emilia e Genova, Rocco Sgherzi agronomo esperto di forestazione urbana e Federico Valerio dell’Eco Istituto di Reggio Emilia e Genova, Sentinelle dell’aria il tema della deforestazione, su cui si è concentrata l’attenzione di Cop 26 a Glasgow mostrando per una volta i grandi del mondo uniti su un obiettivo ambientale. L’urgenza nel nostro Paese è infatti la scomparsa delle piante dalle aree urbane e periurbane. Il loro incremento permetterebbe di ottenere diversi effetti positivi. Le piante svolgono un ruolo chiave nell’assorbimento di CO2, favoriscono la biodiversità, aiutano la regolazione del microclima urbano, facilitano il raggiungimento del benessere fisico e psicologico delle persone e riducono i danni provocati da piogge estreme.

Si parlerà inoltre di riforestazione urbana con il racconto di alcune esperienze del territorio. Antonio Mortali interverrà suil Kilometro Verde di Parma, che ha lo scopo di creare boschi permanenti nel territorio di Parma e provincia, mentre Rosanna Figna di Agugiaro e Roberto Spaggiari illustreranno il bosco del Molino di Collecchio, progetto di forestazione della Agugiaro & Figna Molini, leader italiana nella macinazione del grano tenero, tra i più grandi mai avviati in Italia da un privato.

Arricchiscono il programma gli interventi sull’importanza dei semi per salvaguardare la biodiversità di Alessio Zanon, presidente di RARE, Razze Autoctone a Rischio Estinzione e su Food Forest ed orti sinergici con Giovanni ed Elisa Fiamminghi.

SPECIALITÀ ALIMENTARI

In programma infine degustazioni di specialità alimentari locali, nuove creazioni come la Violetta, dolce squisito realizzato per l’occasione da Gianluca Borlenghi e dedicato a Renata Tebaldi. Per una pausa relax all’interno della Mostra, presso il punto ristoro, Mangia la Foglia bio propone un piacevole menù vegetariano ispirato alla natura e Gusto Parma assicura la degustazione di ottimi piatti locali.

ATTIVITÀ PER BAMBINI

È presente per la prima volta a Nel Segno del Giglio una Serra delle Farfalle, dove bambini e adulti possono osservare dei meravigliosi lepidotteri autoctoni e tropicali e le piante che li ospitano e li nutrono. Si chiama Le Farfalle delle Birba, e, oltre ad ammirare le farfalle, vi si svolgono, durante tutti e tre i giorni, attività gratuite per bambini dai 2 agli 8 anni che stimolano nei bambini il piacere di conoscere la natura e i primi rudimenti del giardinaggio. Qui i bambini potranno creare una bomba di semi e trasformarsi in piccolo esploratori a caccia di insetti misteriosi. Insieme alle tate potranno manipolare la terra e creare una piccola “bomba di semi” da lanciare nel prato, e poi affondare le mani in un’incredibile vasca per cacciare i più divertenti insetti finti e scoprire cosa si nasconde sul fondo.

EXTRASETTORE

Per chi oltre alle piante è alla ricerca di complementi d’arredo giardino creativi, originali, vintage, la mostra offre anche una selezione di espositori di arredo particolarmente interessanti e inconsueti. Cesti di paglia, creazioni in filo di ferro, cache-pots, vasi e ceramiche, tessuti, imperdibili oggetti unici per decorare la casa e il giardino. E ancora, attrezzature per il giardinaggio, per l’orto e per la vita all’aria aperta, artigianato artistico, piccoli produttori alimentari e aziende agricole del territorio.

I SERVIZI PER I VISITATORI

Per fare acquisti e continuare la passeggiata senza pacchi ingombranti è presente il deposito piante gratuito; inoltre, è in funzione il servizio carriole effettuato dai ragazzi di Nel Segno de Giglio, riconoscibili dal gilet verde, che porteranno fino ai cancelli del parcheggio auto le piante acquistate.

REGGIA DI COLORNO – (PARMA)

Nel segno del Giglio

Sabato 23, Domenica 24 e Lunedì 25 Apertura ore 10.00 – 19.00

Sabato 23 aprile • ore 10.30 Inaugurazione – Ore 13.30 • Premiazione degli espositori selezionati dalla giuria

Biglietti di ingresso in loco: Intero € 10 – Ridotto € 6

Novità 2022 Biglietto di ingresso scontato on line: Intero € 8 Ridotto € 6

Under 14 e persone con disabilità e accompagnatore ingresso gratuito

INFORMAZIONI: BieBi Eventi tel. 0521 313300 fax 0521 521524

https:// www.nelsegnodelgiglio.it Facebook, Instagram: Nelsegnodelgiglio

CAMPERISTI: ampio parcheggio via Farnese 26 N 44.926300, E10.377940 sterrato, illuminato

Orticola 2022: tutto quello che dovete sapere sulla 25° edizione della mostra mercato milanese

Orticola torna nella sua veste storica nel secondo weekend di maggio portando con sé un messaggio fondamentale per il benessere e la salute dell’uomo.
Piante fiori e giardini costituiscono un bene primario per l’uomo così come un contatto costante con la natura.

Passeggiare in un parco o in un bosco, coltivare un orto , lavorare in giardino e restare connessi con le piante sono tutte azioni che aiutano a sviluppare e mantenere un benessere psico-fisico costante.
L’obiettivo di Orticola è quello di raggiungere chiunque, mostrando ancora una volta che i benefici delle piante e della natura sono innumerevoli e a disposizione di tutti.
In un mondo che ci porta sempre più ad allontanarci dal verde, aumentare i nostri ritmi, il livello di stress, ad esempio, restare a contatto con le piante può aiutarci a vivere meglio.

25 anni di Orticola in breve

La prima edizione di Orticola risale al 1866 e si tenne nel salone di Palazzo Dugnani, un anno dopo la sua fondazione.
La prima edizione a Palestro in quelli che sono diventati oggi i giardini intitolati a Indro Montanelli è datata 1996.
Dai 37 espositori dell’edizione di fine anni ’90 si è arrivati ai 160 di questa edizione, senza contare le numerosissime iniziative che, nel corso del tempo si sono alternate e sono andate ad arricchire la mostra mercato milanese.
Possiamo ricordare , ad esempio il giardino dell’Uva, quello delle Farfalle o il Giardino dei Tessuti nel 2006, fino agli Orti Fioriti nati nel 2011.

Peonia Orticola Milano

Roberto Gamoletti, autore di ‘Orticola Milano’ si occupa di ibridazione delle peonie a livello amatoriale da 25 anni ed è socio dell’American Peony Society dal 2000 dove ha registrato, ad oggi, dieci ibridi di cui sette arbustivi.
Dalla passione per la peonia e per il giardinaggio sono nate ibridazioni e colori del tutto particolari tra cui la Peonia Orticola Milano un ibrido erbaceo, a fioritura precoce con fiori semi doppi, lievemente profumata.
La pianta può raggiungere un altezza di 76 cm ed ha visto la prima fioritura nel 2014, sette anni circa dopo la germinazione dei semi.
Dal 2017, le successive moltiplicazioni e selezioni sono state seguite e operate dal Vivaio G&G Buffa di Poirino in provincia di Torino.

La Nymphaea thermarum a Orticola

Solo per questa edizione Orticola ospiterà una rarità unica in tutto il mondo. Trattasi della Nymphaea thermarum, una pianta acquatica del Ruanda dalla storia tutta particolare.
La Nymphaea thermarum viveva in una piccola sorgente che, causa lo sfruttamento delle acque è scomparsa.
Solo grazie al ripristino di alcuni semi e al grande lavoro di Carlos Magdalena, un botanico dei Kew Gardens di Londra, si è riusciti a salvare dall’estinzione questa pianta unica al mondo.
Water Nursery, vivaio di Latina specializzato in piante acquatiche e impegnato nella ricerca, coltivazione e conservazione di piante ‘autoctone’ e in via d’estinzione, porterà la Nymphaea thermarum a Orticola.
La NT è una pianta di difficile coltivazione e, viste le sue rare caratteristiche può essere coltivata solo in interno con le condizioni opportune.
Non è in vendita ma sarà un dono per la collezione dell’associazione, oltre che per gli Orti Botanici

Le altre piante di Orticola

Il Marrubium friwaldskyanum, esposto nello stand di Cascina Bollate, fa parte della flora tipica della Bulgaria. E’ una specie considerata in pericolo di estinzione ed inserita all’interno delle aree protette della rete ecologica europea ‘Natura2000’.
L’Anthurium luxurians, è un Anthurium particolarmente raro, ma a maggio
sarà presente a Orticola!
Plant that Plant, collocata nei pressi di Malmö in Svezia, presenterà un’iniziativa legata ai benefici delle piante da interni, in particolare ad alcune specie particolarmente adatte alla coltivazione nell’ambiente domestico.
Philodendron, Anthurium e Monstera, sono le più utilizzate per decorare le stanze, poiché alcune possono adattarsi alla mancanza di illuminazione e umidità dell’aria.
La Monstera obliqua, immortalata nell’immagine 2022 di Orticola, è una specie della famiglia delle Araceae, originaria di Trinidad e dell’America tropicale centrale e meridionale. Come altre piante del genere Monstera,
questa specie è un rampicante epifita (cioè che cresce sopra un’altra pianta, dalla quale però non ricava il nutrimento, come anche numerose orchidee). Le sue inflorescenze diventano di color giallo brillante.

Orticola per Milano

Da 25 anni Orticola di Lombardia, Associazione senza scopo di lucro, devolve i proventi derivanti dall’organizzazione della mostra mercato al verde cittadino; in particolare, a seguito della convenzione con il Comune di
Milano, una parte è destinata ai Giardini Pubblici Indro Montanelli e, in particolare, alla sistemazione e cura dell’Aiuola dei Cerbiatti di fronte al Museo Civico di Storia Naturale.
Al Giardino Perego, in via dei Giardini, proseguono le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria, così come prosegue anche la crescita, la cura e la manutenzione de “L’Altra Pergola. Omaggio a Leonardo”, il pergolato di gelsi, proprio come quello rappresentato nell’affresco di Leonardo da Vinci, realizzato a grandezza naturale nel Cortile delle Armi del Castello Sforzesco da Orticola di Lombardia nel 2019, in occasione del cinquecentenario della morte del maestro.
L’impegno di Orticola è indirizzato anche al mantenimento del Giardino di Palazzo Reale dove è nata, su un vecchio parcheggio, un’oasi per una piacevole sosta nel cuore della città. Altre iniziative portate avanti
dall’Associazione a favore della città, sono la gestione della Corte d’Ingresso della Galleria d’Arte Moderna.
Negli scorsi anni Orticola di Lombardia ha inoltre riqualificato il perimetro esterno, che apre sul portico, del Cortile di Palazzo Dugnani, con la creazione di una spalliera su cui si arrampicano dei glicini, mentre la cancellata è stata rivestita di rose. Sempre attivi in viale Eginardo gli Orti Fioriti di CityLife, realizzati su un’estensione di circa 3000 metri quadrati.
Un altro progetto sono le panchine in teak di Ceresio Investments in giro per la città.
Da alcuni anni Ceresio Investments è corporate partner di Orticola di Lombardia e ha regalato numerose panchine a Milano, che sono posizionate nei giardini pubblici milanesi, per trovare le panchine basta girare perb la città e guardarsi intorno.

I corsi gratuiti di Orticola

Sono allestiti, in giro per la mostra-mercato, nelle due aree corsi a disposizione (CityLIfe Dugnani 1 e City Life Dugnani 2), negli stand degli espositori e nello spazio CityLife Montanelli messo a disposizione da CityLife proprio per i laboratori, alcuni spazi per i corsi di giardinaggio dedicati ad adulti e bambini.
Il calendario degli eventi sarà aggiornato sul sito ufficiale di orticola.org

Tutte le info per i visitatori

Orticola
mostra-mercato di fiori, piante e frutti insoliti, rari e antichi
da giovedì 5 dalle 14,00 alle 18,30
venerdì 6, sabato 7 e domenica 8 maggio 2022 dalle ore 9,30 alle ore 19,30
ai Giardini Pubblici Indro Montanelli a Milano
Ingressi da via Palestro, piazza Cavour e Palazzo Dugnani via Manin 2

L’acquisto dei biglietti è esclusivamente on line sul sito orticola.org e midaticket.it . I biglietti sono disponibili all’acquisto al costo di € 12,00.
È POSSIBILE ACQUISTARE IL BIGLIETTO ONLINE SCONTATO A € 10,00 DAL 21 MARZO AL 21 APRILE.






Verde Grazzano 2021: info e programma sulla mostra mercato piacentina

Verde Grazzano è più che una importante e originale mostra – mercato del giardinaggio di qualità.

È la porta di ingresso ad un club oppure a una community di veri e competenti appassionati che, anno dopo anno, si danno appuntamento nel sontuoso Parco del Castello di Grazzano Visconti.

Come ogni anno, anche dal 24 al 26 settembre, giungeranno dall’Italia e anche da Germania e Slovenia e persino da più lontano, per ritrovarsi in questo mondo sospeso nella storia, davvero unico.  Dove potersi confrontare con vivaisti selezionatissimi, scambiare opinioni ed esperienze, condividere il piacere di scoprire novità, cultivar non ancora immesse sul mercato commerciale, primizie del settore riservate, in esclusiva, esattamente a questa manifestazione.

“Nell’edizione dello scorso settembre, avevamo rivolto a tutti l’invito a fare del   verde e del bello l’antidoto naturale alle incertezze e alle inquietudini del momento”, sottolinea Luchino Visconti, che con Allegra Caracciolo Agnelli e Federico Forquet, promuove Verde Grazzano.

“Nonostante i tempi non proprio propizi, sono stati in molti ad accogliere questo nostro invito. A loro, e a tutti gli amici del Verde dobbiamo quest’anno un Verde Grazzano che offra nuovi spunti, nuove idee, nuove piante, nuovi stimoli, che sappia affascinare e soprattutto gratificare i neofiti ma anche chi, abituale frequentatore di esposizione come la nostra, teme di non trovarci nulla di realmente nuovo.

Per la felicità dei nostro ospiti, abbiamo chiesto a tutti i nostri espositori, e stiamo parlando del Gotha del settore in Italia, di stupire il nostro e loro pubblico, portando a Verde Grazzano almeno un   nuovo cultivar, e già ci stanno giungendo conferme che ci fanno davvero molto piacere. E che intrigheranno sicuramente molto i nostri ospiti”.

Anche per questa edizione, viene confermata e ribadita quella che è la cifra distintiva di “Verde Grazzano” e che rende davvero unica la manifestazione. Quella, cioè, di ammettere esclusivamente produttori, escludendo quindi tutti gli “intermediari”, ovvero quegli operatori che non producendo le loro piante, ma si limitano a rivendere quelle prodotte da altri.

“Per questo – afferma Luchino Visconti, con orgoglio legittimo   -ci è possibile essere la vetrina d’elezione per la presentazione in anteprima di nuovi cultivar, esiti di nuovi incroci, oltre ad essenze di recentissima acclimatazione in Italia e perciò non ancora presenti sul mercato”.

“Una scelta che, nelle tre precedenti edizioni, è stata premiata in termini di presenze e acquisti e che non mancherà di esserlo anche in questa ormai prossima”.

Il magnifico Parco del Castello accoglierà allestimenti eleganti e funzionali, opportunamente distanziati per evitare qualsiasi assembramento. In aree prative del Parco storico, alcuni vivaisti realizzeranno dei veri e propri esempi di giardini effimeri, da cui trarre spunto o anche da copiare.

Carlo Contesso, celebre progettista di giardini e terrazze, sarà a disposizione per consigli, suggerimenti in loco e in anteprima sui canali social di Verde Grazzano  (Instagram) e di Grazzano Visconti (Facebook e Instagram)

Inoltre, secondo un calendario prefissato, ciascun espositore avrà modo di illustrare ai visitatori interessati la sua storia professionale, cosa sottenda alle sue scelte e cosa il suo vivaio offra di nuovo.

Verde Grazzano per questo, ma non solo per questo, fa la differenza.

“Il grande Club dei Pollici Verdi”

Tra le proposte più di 900 varietà di pomodori dalla Germania.

Verde Grazzano punta a offrire occasioni uniche, intelligenti curiosità che stimolino coloro che della cura del proprio giardino e dell’orto hanno fatto una religione.

Tra le diverse opportunità incuriosisce il fatto che giunga dalla Germania, terra non immediatamente associabile al pomodoro, una collezione unica di varietà della popolare rossa solanacea. Che, come mostra Michael Schick, non è solo rossa e si presenta con forme e dimensioni diversissime. Michael Schick per i pomodori ha una vera passione: sino ad oggi è riuscito a coltivarne 930 varietà, ma non nasconde l’obiettivo di arrivare a superare presto il traguardo delle mille, un traguardo da Guinness.

Ancora in fatto di orto, ecco i peperoncini proposti da Filippo e Sara che hanno creato, con B-Orto Peppers, una piccola nicchia piccante impiantata a Gemona del Friuli. Da sempre amanti dei particolari insoliti e dei grandi piaceri della vita hanno deciso di creare un’azienda agricola specializzata in peperoncino.

“Il peperoncino è – affermano Filippo e Sara – tante cose: un ortaggio ma anche una spezia, un motore di convivialità, una sfida aperta e una scoperta in termini di gusto e sfumature.

Filippo e Sara amano metterci del proprio in tutte le cose che fanno e i loro prodotti sono come loro: un po’ creativi, senza troppi compromessi, ispirati alla tradizione senza prendersi mai troppo sul serio.

Piante che si possono mangiare è quanto presenta a Verde Grazzano l’Azienda Agricola La Margherita, vivaio specializzato in piante commestibili che, da vent’anni si occupa di ricerca, riproduzione e coltivazione di piante e fiori eduli. Le collezioni che propongono durante l’anno sono: Erbe Aromatiche, Ortaggi perenni, Peperoncini Piccanti, Pomodori, Peperoni dolci e Melanzane. Nel periodo autunnale, il focus sarà sulle soprattutto sulla infinita varietà di erbe aromatiche.

Ma non tutti sanno che anche i loti sono delizie non solo per gli occhi ma anche per il palato. Tutti i fior di loto sono eduli, ma alcuni vengono coltivati proprio a scopo alimentare, fanno meno fiori ma le dimensioni sono straordinarie e i rizomi spesso sono enormi. Del fior di loto viene mangiato tutto: rizomi fritti, in zuppe, insalate ecc. I semi freschi per succhi di frutta molto energetici, le foglie sono l’ingrediente perfetto per minestroni, insalate frittate, i fiori fritti sono una delizia.

E a Verde Grazzano, il vivaio Water Nursery, è pronto a mostrarvi le virtù segrete delle piante   acquatiche e palustri di cui è specialista: fior di loto, ma anche, ninfee rustiche e tropicali, iris, canne indiche colocasie. In esclusiva per Verde Grazzano Water Nursery propone diverse rarità: dagli  iris palustri (ensata, sibirica), a fiore doppio, molto fioriferi, a una ricca collezione di ninfee tropicali particolarmente fiorifere e profumate e delle colocasie dalle grandi foglie.

Il tutto sarà arricchito dagli ibridi di ninfee rustiche che negli ultimi anni hanno vinto dei premi nelle competizioni mondiali di settore.

Dalla lavorazione del lino e dalla canapa arrivano invece i prodotti dell’Azienda Agricola Landini. I coniugi Francesco e Maria Chiara in quel di San Protaso (PC), hanno avuto l’idea di seminare i fertili campi della Val Chiavenna con prodotti semplici facenti parte delle coltivazioni del passato, ma oggi dimenticati: lino e canapa, declinati in tre differenti produzioni che comprendono olii, farine e il geniale canafè. La scelta di investire su queste coltivazioni è stata prima di tutto etica; la canapa in particolare, rispetto ad altre colture richiede un minor apporto idrico e soprattutto, non richiede l’utilizzo di concimi e diserbanti, garantendo prodotti a basso impatto ambientale 100% naturali.

Fisiologico che dopo aver incontrato gli espositori e gli esperti si avverta un certo languorino. Ed ecco La Cucina di Annalisa, un laboratorio artigianale di prodotti dolci e salati: torte alla violetta, meringhe al lampone, i krumiri di Casale Monferrato…poi la parte salata: il bagnetto piemontese, la bagna cauda.. tutto fatto a mano, naturalmente.

Gradevole pausa prima di riprendere una visita che riserva, ad ogni passo, sorprese e novità.

Come, dove e quando

La quarta edizione di Verde Grazzano vi attende dal venerdì 24 alla domenica 26 settembre al Parco del Castello di Grazzano Visconti (Pc).

PER INFO:

ORARI venerdi 24/9 dalle 14.00 alle 19.00; sabato 25/9 e domenica 26/9 dalle 9.00 alle 19.00

BIGLIETTI visita il sito verdegrazzano.it

TELEFONO 347-4650324

info@verdegrazzano.it

www.verdegrazzano.it

Yacht&Garden 2019: sabato 11 Maggio e domenica 12 a Genova la mostra mercato di giardinaggio

Sabato 11 e domenica 12 maggio 2019, dalle 10 alle 19, torna a Marina Genova – punto di riferimento della grande nautica internazionale nel cuore del Mare Nostrum (www.marinagenova.it) – Yacht&Garden, la mostra-mercato di fiori e piante del giardino mediterraneo.

 Tra gli appuntamenti nazionali più attesi del settore, con oltre cento espositori da tutta Italia e diecimila visitatori nel 2018, la manifestazione arriva quest’anno alla sua dodicesima edizione.

Nella suggestiva cornice di un contesto marino di grande prestigio, gli appassionati di giardinaggio e della natura potranno trovare espositori tra i più qualificati d’Italia. Passeggiando tra i moli, le banchine e le imbarcazioni ormeggiate in Marina, sarà infatti possibile ammirare e acquistare essenze e fiori adatti al giardino mediterraneo: piante annuali, biennali e perenni fiorite, alberi e arbusti da bacca, piante cactacee e succulente, piante aromatiche e officinali, piante da frutto e da orto, agrumi e piccoli frutti, senza dimenticare particolarità come frutti antichi o sementi rare.

Intorno al tema del giardino e della natura, Yacht&Garden propone inoltre arredo ed antiquariato, attrezzatura da giardino, vasi e cesteria, stampe botaniche ed erbari antichi, tessuti, borse e cappelli, gioielleria e bigiotteria, libri, riviste e incontri con le associazioni.

Un ricco programma di eventi collaterali, organizzati grazie alla collaborazione con importanti partner e istituzioni, aiuterà infine a diffondere e a valorizzare la “cultura del verde” attraverso l’arte. Esposizioni, musica, danza e teatro itinerante coinvolgeranno i visitatori durante tutto il weekend, con una serie di appuntamenti dedicati ai bambini, tra laboratori, spettacoli e animazioni.

Dove, Come, Quando

Yacht&Garden

mostra-mercato di fiori e piante del giardino mediterraneo

sabato 11 e domenica 12 maggio 2019 – dalle ore 10 alle 19

Marina Genova

Via Pionieri e Aviatori d’Italia

16154 Genova

L’ingresso alla manifestazione, il parcheggio e la partecipazione agli eventi collaterali sono gratuiti.

Il programma completo è disponibile online sul sito www.yachtandgarden.it

Orticola 2019: tutto e di più sulla mostra mercato milanese

Torna, da venerdì 17 maggio a domenica 19 Orticola, con la sua XXIV edizione ai giardini Indro Montanelli che da sempre accolgono questo imperdibile evento milanese dedicato al vivaismo nazionale ed internazionale.

Tema dell’edizione del 2019 sarà “Piante amiche: le buone associazioni botaniche”, ovvero combinare tra loro le piante con le stesse esigenze botaniche.

Questo significa, non solo saper creare bei giardini con il giusto accostamento di colori, forme e fioritura, ma anche favorire il giusto grado di ecosostenibilità, con minor necessità di manutenzione e, ovviamente, con migliori risultati dal punto di vista biologico ed estetico nel corso del tempo.

L’immagine del 2019
Non è un caso se l’immagine  della mostra-mercato per questa edizione, firmata da Sofia Paravicini, è rappresentata da due fiori capaci di coesistere in armonia, ovvero la peonia ed il tulipano. A questo piccolo mazzo di fiori sono stati aggiunti due insetti fondamentali alla vita di tutto l’ecosistema: una formica e un ape che, ancora in volo,  si avvicina al tulipano.

Le piante uniche e particolari di Orticola 2019

Curiosità interessanti e a volte uniche sono presentate anche da vivaisti che partecipano alla mostra-mercato ogni anno, come l’Epipactis di Baradel, chiamata elleborina, un genere che raggruppa diverse specie di orchidee spontanee italiane o la collezione di Fargesia di Central Park, un genere di bambù non invadente e non infestante.
Interessante una malvacea arbustiva di origine sudafricana, ma talmente adattabile che può essere coltivata nei giardini italiani. Il suo nome è Grewia occidentalis presentata da Donna di Piante.
Espressamente indicata per il tema della mostra-mercato è la Castilleja coccinea di Plantula, un emiparassita
che completa la sua nutrizione attaccandosi alla radice della pianta, come fa il vischio.
La Scorzonera hispanica, chiamata scorzonera di Spagna, presentata a Orticola da Floricultura Geel è diffusa dall’Europa Meridionale alla Siberia ed è conosciuta per la presunta efficacia contro il morso dei serpenti.
Particolarmente interessante per le sue grandi doti di resistenza al freddo, sopporta temperature fino a –17°, è
una varietà di gardenia, la Gardenia jasminoides ‘Kleim’s Hardy’ dallo sviluppo contenuto e dal bel fogliame
scuro e lucido, presentata da Pollici Rosa.

Mirabilia di Orticola

Per la prima volta, in esclusiva per il pubblico di Orticola,  “Mirabilia”, una tenda all’interno della mostra-
mercato che conduce il visitatore alla scoperta di piante speciali per origine e rarità, per lo più sconosciute,
provenienti da paesi lontani, o poco frequentati in tema di piante come l’Etiopia, eccezionali per forma
e dimensione, raccolte e conservate da vivaisti.
Grazie a Dino Pellizzaro si potrà conoscere l’Acanthus sennii, un arbusto che si trova molto raramente in
coltivazione con fiori rossi insoliti e fogliame appuntito; Cascina Bollate espone il Cynodon aethiopicus, una
specie erbacea che si riproduce ed espande facilmente, è un fotoautotrofo, cioè un organismo che utilizza la
luce come fonte di energia per i propri processi vitali; o ancora la Salvia aethiopis del Vivaio Ciancavaré, una
piccola pianta erbacea perenne ed aromatica di origine africana dai delicati fiori labiati e altri esemplari particolari
presentati dall’Orto Botanico di Città Studi a Milano e dal bellissimo e storico Orto Botanico di Palermo,
con il quale Orticola ha stretto un particolare rapporto di collaborazione per dare vita a un Premio Nord
Sud per i vivaisti, che intende valorizzare proprio la grande differenza vegetale e climatica del nostro paese.

Le giurie della mostra-mercato

Dal giovedì pomeriggio saranno presenti due giurie, così suddivise:
Giuria botanica composta da 7 esperti che dovrà giudicare le migliori collezioni botaniche e le piante più significative per rarità e bellezza.
Giuria di stile che consegnerà i premi alla miglior esposizione, alla creatività, originalità e alla carriera.
Da citare, come ospite d’eccellenza della Giuria Botanica, il professor Giuseppe Barbera, docente ordinario di Colture arboree all’Università di Palermo, mentre, nella Giuria di stile, si aggiunge un nuovo membro, Christine Foglia, grande appassionata di natura e giardini.

Orticola per Milano

Anche quest’anno parte dei proventi derivanti dalla Mostra sarà destinato ai Giardini Indro Montanelli e, in particolare, nell’aggiornamento e nella fornitura delle nuove mappe dei Giardini, che troveranno spazio nelle bacheche, restaurate sempre con i proventi della Mostra nel 2018, e già realizzate dall’associazione una
ventina di anni fa.
Prosegue sempre con nuove piantagioni e l’integrazione dell’aiuola matrice, l’impegno in via dei Giardini, nel piccolo, storico e romantico Giardino Perego, dove nel 2019 si prevede il proseguimento dell’iniziativa della ‘Passeggiata nel giardino storico’, una visita al giardino in compagnia di storici, esperti e vivaisti, per raccontare
il giardino stesso, l’impegno di Orticola di Lombardia nelle diverse opere di manutenzione e le piante impiegate.
Sempre attivi in viale Eginardo gli Orti Fioriti di CityLife, realizzati da Orticola di Lombardia su un’estensione
di circa 3000 metri quadrati, nell’ambito del progetto di riqualificazione urbana del quartiere Fiera di Milano, a cura di CityLife.
Prosegue inoltre la manutenzione del Giardino di Palazzo Reale dove è nata un’oasi per una piacevole sosta nel cuore della città.
L’obiettivo di tutte queste attività di Orticola di Lombardia è sempre quello di offrire ai milanesi le corrette conoscenze agronomiche mai disgiunte dal gusto del bello, mettendo a disposizione del pubblico spazi verdi aperti, adatti allo svago e a momenti di relax.
Regali alla città di cui Orticola è molto orgogliosa!

Imparare a Orticola
Da sempre considerati un “plus” di Orticola, i momenti gratuiti di incontro per adulti e bambini, intesi come laboratori, corsi, dimostrazioni, presentazioni di libri, parchi e giardini, sia ludici e divertenti, che tecnici e divulgativi, quest’anno sono più di 100, allestiti, in giro per la mostra-mercato, nelle tre aree corsi a disposizione (Dugnani 1, Dugnani 2 e Magnolia), negli stand degli espositori e nello spazio dedicato a CityLife.
Aumentati progressivamente nel corso degli anni, sono ormai una tradizione per i visitatori che si aspettano di trovarne sempre di nuovi e interessanti, mentre per Orticola sono una conferma della propria missione a divulgare e promuovere la conoscenza e la salvaguardia del verde in tutte le sue espressioni.
Un altro modo per imparare e capire meglio le piante e il loro mondo è leggere il nuovo numero de “Il Giardino
Fiorito”, che tratta le buone associazioni botaniche sotto numerosi aspetti diversi, dall’abbinamento delle piante tropicali rustiche, alla scelta di quelle con esigenze da clima mediterraneo fino a conoscere il comportamento di specie adatte ai 2000 metri.
Anche quest’anno è presente il KikolleLab con il Kids Corner, in collaborazione con Gemma, Love and
Flowers, lo spazio esclusivo dove, dalle 10,30 alle 18,30, i bambini dai 3 ai 10 anni possono partecipare, senza mamma e papà, a laboratori floreali, diy e artistici al costo € 10,00.
Il venerdì mattina i laboratori sono dedicati alle scuole milanesi.
Da quest’anno ogni laboratorio, che dura circa 1 ora e può ospitare fino a 25 bambini, si concluderà con la lettura
di una fiaba legata al tema delle “buone associazioni” e delle cose o persone diverse che stanno bene insieme.

Dove, come, quando

Orticola 2019, da venerdì 17 maggio a domenica 19 maggio presso i giardini Indro Montanelli di Milano.
Novità 2019! È possibile acquistare il biglietto on line anticipatamente a prezzi scontati: dal 22 marzo fino
al 30 aprile a €10,00 (cui va aggiunto €1 di prevendita) su www.orticola.org e su www.midaticket.it, evitando
le code alle casse.
Come ogni anno è presente il deposito piante per lasciare i propri acquisti in attesa del ritiro, la consegna a
domicilio di fiori e piante grandi e ingombranti, il servizio carriole fai da te e il servizio di trasporto all’interno
della mostra, inoltre i momenti di relax nelle zone ristoro.

Orticola per Leonardo

Orticola si allarga anche “fuori dai cancelli” dei Giardini Pubblici con le iniziative dedicate alla città di Milano di Orticola per Leonardo.

LA PERGOLA DI GELSI AL CASTELLO SFORZESCO

In occasione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci e della straordinaria riapertura al pubblico della Sale delle Asse dopo i restauri, nel Cortile delle Armi del Castello Sforzesco, a pochi metri di distanza dall’originale, prenderà vita la Pergola dei Gelsi, riproduzione in scala della gigantesca decorazione che il Maestro progettò sulle pareti e il soffitto della Sala nel 1498.
Nella Sala delle Asse è rappresentata una specifica tipologia di pergola, o meglio di pergolato, dove la struttura è realizzata direttamente con l’elemento vegetale: è l’organismo vivente, l’albero stesso, opportunamente coltivato e modellato, che crea il pergolato, fino a farsi vera e propria architettura verde.

FUORIORTICOLA
Grandi novità quest’anno per il FuoriOrticola, infatti cresce il numero dei partecipanti a questa iniziativa con una serie di eventi diffusi per i musei, le gallerie, le vie e i quartieri della città che accompagna le giornate della mostra con iniziative aperte e da non perdere!

ORTICOLA AL MUSEO
Gli “amici-musei” sono aumentati, passando da 11 del 2018 a 14 di quest’anno. Le “new entry” sono il Museo del ‘900, che dà la possibilità di effettuare visite guidate alla collezione permanente presentando il biglietto d’ingresso di Orticola; il Mudec che apre le sue porte ai visitatori di Orticola e il Museo Diocesano Carlo Maria
Martini che propone ingressi scontati e una visita guidata alla mostra fotografica “MAGNUM’S FIRST”.
Continua la collaborazione, con modalità e tempi differenti, anche con gli altri musei.
La Galleria d’Arte Moderna organizza visite guidate alla mostra di Angelo Morbelli in programmazione fino a giugno, mentre le Gallerie d’Italia – Piazza Scala, polo museale di Intesa Sanpaolo aprono il loro chiostro all’eleganza, alla raffinatezza e alla creatività di Cinzia Felicetti, direttore di Marie Claire Maison, con l’allestimento
“The Secret Garden”, tributo al giardino romantico. Oltre le vetrate del chiostro, come in una glass box, prende vita una narrazione vegetale di piccoli arbusti, erbacee perenni e fioriture candide, che incorniciano l’opera di Arnaldo Pomodoro “Disco in forma di rosa del deserto”, creando un’elegante liaison cromatica con il vicino Giardino del Manzoni.
Al Museo Bagatti Valsecchi i visitatori sono proiettati in un’installazione che, partendo dalle tappezzerie floreali,
interpreta l’ambiente del museo in chiave innovativa, altri possono recarsi all’Orto Botanico di Brera per conoscere,
attraverso le visite guidate, il patrimonio storico-botanico con particolare riferimento a quello arboreo.
Il Museo Poldi Pezzoli presenta i suoi “percorsi verdi”, un esempio di buona associazione tra natura e arte, a Palazzo Reale si possono visitare con biglietto ridotto le mostre in corso a maggio, mentre “La Nazione delle Piante” è il focus delle visite guidate che La Triennale propone nel week end della mostra-mercato.
Un incontro sulla biodiversità andina e un percorso guidato alle installazioni site specific con gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Brera sono le iniziative che si potranno trovare al Museo Botanico Aurelia Josz.
Anche i bambini hanno la loro parte di spettacolo, partecipando al laboratorio organizzato da MuBa Museo dei Bambini.
Ma FuoriOrticola non è solo dentro i musei, ma anche in giro per la città.
Nel Chiostro Nina Vinchi della sede storica del Piccolo Teatro in via Rovello, il Garden Club Milano propone “Ikebana: la natura va in scena”, una mostra storico-didattica di immagini fotografiche dedicata alla tecnica dell’ikebana affiancata da composizioni di fiori freschi che portano in scena valori estetici come l’asimmetria, l’essenzialità, lo spazio pieno e vuoto.
“Profumo d’ortensie” è la mostra firmata da Giancarlo Iliprandi, designer della comunicazione visiva e membro della Giuria di Orticola, scomparso nel 2016. La pittura è sempre stata la sua passione e i fiori i suoi soggetti privilegiati, le ortensie soprattutto. Una ventina di questi magici fiori sono alla Galleria Nuages di Cristina Taverna in via del Lauro 10 dal 16 maggio al 1° giugno.
Ormai tradizione sono gli incontri di Comunemente Verde a Villa Lonati (via Zubiani, 1), sede dell’Area Verde, Agricoltura e Arredo Urbano del Comune di Milano, un luogo per scoprire la ricchezza della vita vegetale nei suoi diversificati aspetti con iniziative realizzate ad hoc sabato 18 maggio.
Last but not least, grazie all’associazione Amici di via della Spiga, nella via omonima in esposizione i progetti green più affascinanti del mondo, fotografati da Matteo Carassale per Marie Claire Maison. Si tratta della seconda edizione di “Gardenology”, che quest’anno propone un dialogo estetico tra otto giardini capolavoro e altrettanti scatti d’autore (immortalati da Lorenzo Pennati, styling di Cristina Nava), dove l’arredo outdoor è protagonista assoluto con carte da parati e tessuti a tema botanico.

ORTICOLA ARTE
Nata nel 2018, Orticola Arte è un progetto concepito nell’ambito della missione e delle attività di Orticola di Lombardia.
L’iniziativa è impegnata sul territorio milanese nella convinzione che sia così possibile favorire la cultura del verde e contribuire a una positiva e responsabile trasformazione del vivere quotidiano, con l’intento di rendere la città un luogo sempre più vivibile, con spazi verdi curati, ma anche con opere d’arte accessibili al maggior
numero di persone possibili.
In particolare per il triennio 2018, 2019, 2020 Orticola Arte attiva, con cadenza annuale, una serie di interventi artistici appositamente concepiti per spazi pubblici della città.
Anche quest’anno il progetto è indirizzato alle scuole milanesi, perché è importante rivolgersi ai più giovani, in quanto da loro bisogna partire per gettare i semi di una maggiore sensibilità nei confronti dell’ambiente in cui siamo immersi.
Quest’anno Orticola Arte, grazie all’intervento della Galleria ArtD2 di Milano, ha come “compagno di viaggio” l’artista Pao, eccellente “ambassador” per Orticola con la condivisione di mission e valori etici, ambientali e umani.
Il Progetto Orticola Arte 2019, dedicato alle scuole primarie, si sviluppa con l’organizzazione di alcuni laboratori artistici teorici tenuti da Pao ed espressamente dedicati agli scolari di quarta e quinta elementare per trasferire loro le tecniche di pittura che saranno messe in pratica con la realizzazione finale di un murales sul muro di ingresso alla scuola.
Il tema dei laboratori artistici sarà la natura, le piante, i fiori, i frutti, il verde in genere, con l’idea di riprodurre artisticamente
piante, frutti o fiori “amici” sulla base del tema Orticola 2019, ma lasciando libera interpretazione all’artista che li seguirà durante i laboratori.
La scuola scelta è la Primaria Dante Alighieri, facente parte dell’Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni, in zona Ghisolfa a Nord di Milano.

tagPlaceholder

Yacht & Garden di Genova: tutto sulla XI edizione della Mostra mercato dedicata al giardinaggio

MARINA GENOVA – Sabato 19 e domenica 20 maggio 2018 torna Yacht&Garden, la mostra-mercato dedicata al giardino mediterraneo arrivata con crescente successo all’undicesima edizione.

Vivaisti selezionati, incontri con esperti del verde, artigianato di qualità sul tema dei fiori e del giardino, prodotti naturali, laboratori per i più piccini e un ricco programma di eventi collaterali che declinano la passione della natura attraverso l’arte, in collaborazione con importanti istituzioni culturali.

Yacht & Garden si terrà dalle 10 alle 19 a Marina Genova , la mostra-mercato di fiori e piante del giardino mediterraneo.

Giunta alla sua undicesima edizione, la manifestazione è diventata tra gli appuntamenti nazionali più importanti e attesi del settore, con oltre cento espositori provenienti da tutta Italia e oltre diecimila visitatori nel 2017.

Yacht & Garden offre l’opportunità di coniugare due grandi passioni:  il mare e il verde. Passeggiando tra i moli, le banchine e le imbarcazioni ormeggiate in Marina, sarà infatti possibile ammirare e acquistare, da qualificati vivaisti, essenze e fiori adatti al giardino mediterraneo: piante annuali, biennali e perenni fiorite, alberi e arbusti da bacca, piante cactacee e succulente, piante aromatiche e officinali, piante da frutto e da orto, agrumi e piccoli frutti, senza dimenticare particolarità come frutti antichi o sementi rare.

 

Sul tema del giardino e della natura, Yacht&Garden propone inoltre antiquariato da interni ed esterni, vasi e cesteria, tessuti e decorazioni, borse e cappelli, gioielleria e bigiotteria, dipinti e stampe, libri e riviste, mieli e sciroppi, profumi e prodotti di bellezza naturali.

Il programma

Sempre più ricco il programma di eventi collaterali volti a diffondere e a valorizzare la “cultura del verde”, in collaborazione con importanti partner e istituzioni.

 

“Yacht&Garden non solo è tra le più importanti mostre-mercato italiane del settore, grazie alla qualità dei vivaisti che partecipano – evidenzia Daniela Cavallaro, curatrice della manifestazione – ma è diventata anche un atteso punto di incontro tra visitatori, artisti, associazioni e professionisti del verde, tutti accomunati dalla passione per il giardino e la natura.

L’undicesima edizione – continua Daniela Cavallaroè ancora più ricca rispetto agli anni precedenti: cresce il numero degli espositori qualificati, aumentano gli incontri con esperti, sempre più coinvolgenti gli eventi collaterali tesi a diffondere la cultura del verde attraverso l’arte (musica, danza, pittura, scultura, decorazione, scrittura) e la promozione dell’incredibile patrimonio di parchi e giardini italiani.”

L’ingresso alla manifestazione, il parcheggio e la partecipazione agli eventi collaterali sono gratuiti.


http://www.yachtandgarden.it/programma/

INFORMAZIONI UTILI

Yacht&Garden mostra-mercato di fiori e piante del giardino  mediterraneo sabato 19 e domenica 20 maggio 2018 dalle ore 10 alle 19

Marina Genova  Via Pionieri e Aviatori d’Italia  16154 Genova

IL PARCHEGGIO E L’INGRESSO ALLA MANIFESTAZIONE  SONO  GRATUITI. www.yachtandgarden.it