Wienerwald: the Viennese forest, a UNESCO biosphere reserve

Contrary to what one might think, Vienna has a green lung made up of woods, vineyards and meadows to the west of the city. It extends from the outskirts of the city to the countryside of Lower Austria. This is the Viennese Wood, one of the 727 UNESCO Biosphere Reserves in the world but the only one, at least among the European ones, located on the edge of a metropolis. It covers an area of approximately 105,000 hectares, over seven of the 23 Viennese municipalities and 51 municipalities in the Lower Austria region.

It is a territory where man and nature coexist and benefit from each other. The intertwining of forests and settlement areas, as well as the contrasts between rural areas and metropolises, produce special natural conditions and at the same time represent a great challenge. The goal is to protect natural habitats and plant and animal species by creating the conditions for responsible development.
Over 60% of the surface is covered by forests, the effect of which on the climate, air and water balance is fundamental for the entire metropolitan area. The Wienervald in all seasons is a recreational area much loved by the residents, a destination for trips and excursions in all seasons: in spring, when primroses appear and the forest smells of wild garlic; in summer, when it becomes an oasis of coolness where you can take refuge from the heat of the city; in autumn, when the foliage turns the green of the leaves into yellow and red. But even in winter, with bare trees, its landscapes have an irresistible charm.

Wienervald sentiero
Image by Katharina Jankele from Pixabay

In addition to woods, meadows and vineyards characterize the landscape. There are 33 forest associations and 23 open grasslands, where very specific animals and plants live. In dry meadows, for example, pulsatille and yellow adonides can be found. Siberian iris and marsh gentian grow in wet meadows.
With a variety of 70 plant species and 560 animal species per hectare, the lean lawns not only display unexpected richness, but are also particularly beautiful thanks to their showy blooms.

Then there are small peat bogs, now rarefied, habitat of orchids, amphibians, dragonflies, cicadas and many other insects. In the eyes of hikers and nature lovers, the colorful meadows of the Viennese Wood are the original image of “unspoiled nature”, but all these meadows and pastures exist only thanks to centuries of cultivation by man. With the disappearance of agricultural use, the lawn would return to the state of wood, through various evolutionary phases. Finally there are the vineyards: the wine-growing landscapes have motivated the designation of the Wienerwald as a UNESCO biosphere reserve.

On the sunny slopes of the Viennese Wood, viticulture draws the landscape, together with fruit trees, hedges and dry stone walls, the latter also surprising natural habitats.

Halligen Islands: a journey between rails, islets and the sea of an enchanted place

There is a small group of tiny islands up there facing Germany. They are the Halligen Islands and here every season means having to deal with the sea and climate change. These 10 islands are so low above sea level that at certain times of the year they are completely submerged and “reappear” after a few days.
A few dozen inhabitants live on each island but the risk that with climate change everything will be submerged forever is really high. However, these islands have a certain importance for several factors: first of all they protect the German coasts and, above all, they allow many species of birds to settle in these parts.

The regular floods that submerge these islands bring sediments that help the flora and fauna to feed. Elsewhere this would not be possible. It is for this and for other reasons that the coastal state of Schleswig-Holstein, which includes the Helingen Islands, is investing a lot of money so that here we can raise the level of the islands with respect to the sea while trying, at the same time, to also enlarge their surface.
According to the studies carried out by experts, each island would have to “grow” by about 4-5 mm every year to keep up with the sea level. So far only the island of Hooge, thanks to a closed dam that surrounds it, has managed to limit the floods, while Nordstrandischmoor only grows by 1-2 mm per year.

Vista aerea dell'Hallig Süderoog
Aerial view of Hallig Süderoog, Adobe Stock photo
The bird population

The Wadden Sea was included in the UNESCO World Heritage List in 2009 and it is no coincidence that around 60,000 birds live on Halligen, which means more than half of the species found in Germany. Sea swallows, arctic terns, and gulls are the most common species here. On the Halligen islands they find an ideal place to nest away from predators who stay away thanks to the abundant winter floods.
Preserving the life of the people of this island therefore also means saving the life of a unique environment in the world where many animal species can proliferate and survive. This is why it would be important to continue with the conservation projects of this place

The railway lines
Lüttmoorsiel-Nordstrandischmoor railway line, Photo Adobe Stock

The Halligen Islands are connected by two railway lines: the first is the Lüttmoorsiel-Nordstrandischmoor, also known as the Lorenbahn. This first line is 3.6 km long and was built between 1933 and 1934.
It is used for the transport of goods, for mail and for the transport of building materials. Every resident of Nordstrandischmoor owns a wagon and must be at least 15 years old and have a license to drive it.
The second railway line is the Halligbahn, which runs along the Dagebüll – Oland – Langeneß line.
In Oland, there is only a small municipality with about fifteen houses and a church, while Langeneß is home to 58 families.

The hallig
  1. Nordstrandischmoor covers an area of approximately 1.9 square km and has four terps, a couple of schools and a restaurant. In 2010, 18 people lived here;
  2. Langeneß is today the largest Hallig of all and has a total length of 10 km. Its 134 inhabitants of which 113 in Langeneß are divided into 18 terp: Bandixwarf, Christianswarf, Honkenswarf, Ketelswarf, Kirchhofswarf, Kirchwarf, Hilligenley, Hunnenswarf, Mayenswarf, Neuwarf, Norderhörft, Peterhaitzwarf, Peterswarf, Rixithwarland, Törfwarland. The economic income of this Hallig comes partly from agriculture and partly from the state enterprise for the protection of the coasts;
  3. Gröde with 252 hectares, it is the third largest hallig on the island. Only 8 residents live here and there are two terps, one of which is uninhabited;
  4. Hamburger hallig owes its name to two Hamburg merchants who bought the island in the 17th century. This hallig is connected to the mainland and managed by the NABU (Nature Conservation Union) and has a bird keeper. Nobody lives here and its two terps are uninhabited.
  5. In Süderoog Nele Wree and Olger Spreer run an ecological farm. They are the only inhabitants of the island. In addition to many guests, seabird species such as knot and sandpiper also come here.
  6. Hooge is the second largest hallig and is protected by a stone dam that “defends” it from the biggest floods. Here live 95 people spread over 10 terp which are: Backenswarft, Hanswarft, Ipkenswarft, Kirchwarft, Lorenzwarft, Mitteltritt, Ockelützwarft, Ockenswarft, Volkertswarft and Westerwarft. In Hooge there are 2 schools, 5 restaurants, 2 bars and even 2 hotels, as well as various city services that are located in Hanswarft, the main hangar of the Hallig.
  7. Habel is undoubtedly an undisturbed territory of wild nature. This hallig is inhabited only by a bird keeper for the Jordsand and V. association and, in summer, also by a bird watchdog. The species of birds that come here are hardly counted..
  8. Norderoog,is also known as “Vogelhallig”. In 1909 the Jordsand and V association purchased this hallig with the intention of making it a bird sanctuary. Thanks to donations and the work of young volunteers, stone embankments have been built here and the constant risk of floods has slowed down. In Norderoog live about 14 species of nesting birds, 6 of which are endangered and, with them, also lived the legendary keeper of the hallig Jens Wand who after living here for 40 years has never returned from a walk in the muddy plains of the area.
  9. Oland covers an area of about 2 square kilometers and has about twenty residents distributed in 18 houses on a single terp. The peculiarity of this hallig is that here is the only lighthouse built in straw in all of Germany.
  10. Sudfall is the other hallig dominated by the presence of sea birds. The property has been part of the Jordsand association since 1957 and a limited number of day trips are allowed here. Only in the summer two inhabitants arrive: an engineer and his wife who keep company with 15 species of seabirds: herring gulls, arctic terns, just to name a couple.

Isole Halligen: un viaggio tra rotaie, isolotti e il mare di un luogo incantato

C’è un piccolo gruppo di minuscole isole lassù di fronte alla Germania. Sono le Isole Halligen e qui ogni stagione significa dover fare i conti con il mare e il cambiamento climatico. Queste 10 isole sono così basse sul livello del mare che in alcuni periodi dell’anno vengono completamente sommerse e “riappaiono”dopo qualche giorno.

Poche decine di abitanti vivono su ogni isola ma il rischio che con il cambiamento climatico tutto venga sommerso per sempre è davvero alto. Tuttavia, queste isole hanno una certa importanza per diversi fattori: innanzitutto proteggono le coste tedesche e, soprattutto, permettono a molte specie di uccelli di stabilirsi da queste parti.

Le regolari inondazioni che sommergono queste isole portano infatti sedimenti che aiutano la flora e la fauna a nutrirsi. Altrove questo non sarebbe possibile. È per questo e per altri motivi che lo stato costiero dello Schleswig-Holstein, che comprende le isole Helingen, sta investendo molti soldi affinché qui si possa alzare il livello delle isole rispetto al mare cercando, allo stesso tempo, di allargare anche la loro superficie.
Secondo gli studi effettuati dagli esperti, ogni isola dovrebbe “crescere” di circa 4-5 mm ogni anno per stare al passo con il livello del mare. Finora solo l’isola di Hooge, grazie a una diga chiusa che la circonda, è riuscita a limitare le inondazioni, mentre Nordstrandischmoor cresce solo di 1-2 mm all’anno.

Vista aerea dell'Hallig Süderoog
Vista aerea dell’Hallig Süderoog, foto Adobe Stock
La popolazione degli uccelli

Il mare di Wadden è stato inserito nell’elenco dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO nel 2009 e non è un caso che circa 60.000 uccelli vivano sull’Halligen, il che significa più della metà delle specie presenti in Germania. Rondini di mare, sterne artiche e gabbiani sono le specie più comuni qui. Sulle isole Halligen trovano un luogo ideale per nidificare al riparo dai predatori che stanno alla larga grazie alle abbondanti inondazioni invernali.
Preservare la vita delle persone di quest’isola significa quindi anche salvare quella di un ambiente unico al mondo dove possano proliferare e sopravvivere molte specie animali. Per questo sarebbe importante continuare con i progetti di conservazione di questo luogo

Le linee ferroviarie
linea ferroviaria Lüttmoorsiel-Nordstrandischmoor , Foto Adobe Stock

Le isole Halligen sono collegate da due linee ferroviarie: la prima è la Lüttmoorsiel-Nordstrandischmoor, nota anche come Lorenbahn. Questa prima linea è lunga 3,6 km ed è stata costruita tra il 1933 e il 1934.
Viene utilizzata per il trasporto di merci, per la posta e per il trasporto di materiali da costruzione. Ogni residente di Nordstrandischmoor possiede un carro e deve avere almeno 15 anni e una patente per guidarlo.
La seconda linea ferroviaria è la Halligbahn, che corre lungo la linea Dagebüll – Oland – Langeneß.
A Oland c’è solo un piccolo comune con una quindicina di case e una chiesa, mentre Langeneß ospita 58 famiglie.

Gli hallig
  1. Nordstrandischmoor copre un’area di circa 1,9 km quadrati e dispone di quattro terp, un paio di scuole e un ristorante. Nel 2010, 18 persone vivevano qui;
  2. Langeneß è oggi il più grande Hallig di tutti e ha una lunghezza totale di 10 km. I suoi 134 abitanti di cui 113 a Langeneß sono suddivisi in 18 terp: Bandixwarf, Christianswarf, Honkenswarf, Ketelswarf, Kirchhofswarf, Kirchwarf, Hilligenley, Hunnenswarf, Mayenswarf, Neuwarf, Norderhörft, Peterhaitzwarf, Peterswarf, Rixithwarland, O Törf. Le entrate economiche di questo Hallig provengono in parte dall’agricoltura e in parte dall’impresa statale per la protezione delle coste;
  3. Gröde con 252 ettari, è il terzo più grande hallig dell’isola. Qui vivono solo 8 residenti e ci sono due terp, di cui uno disabitato;
  4. Hamburger hallig deve il suo nome a due mercanti di Amburgo che acquistarono l’isola nel XVII secolo. Questo hallig è collegato alla terraferma e gestito dalla NABU (Nature Conservation Union) e ha un custode di uccelli. Nessuno vive qui e i suoi due terp sono disabitati.
  5. A Süderoog Nele Wree e Olger Spreer gestiscono una fattoria ecologica. Sono gli unici abitanti dell’isola. Oltre a molti ospiti, qui vengono anche specie di uccelli marini come il nodo e il piovanello.
  6. Hooge è il secondo hallig più grande ed è protetto da una diga in pietra che lo “difende” dalle inondazioni più grandi. Qui vivono 95 persone distribuite su 10 terp che sono: Backenswarft, Hanswarft, Ipkenswarft, Kirchwarft, Lorenzwarft, Mitteltritt, Ockelützwarft, Ockenswarft, Volkertswarft e Westerwarft. A Hooge ci sono 2 scuole, 5 ristoranti, 2 bar e anche 2 hotel, oltre a vari servizi cittadini che si trovano ad Hanswarft, l’hangar principale dell’Hallig.
  7. Habel è senza dubbio un territorio indisturbato di natura selvaggia. Questo hallig è abitato solo da un guardiano di uccelli per l’associazione Jordsand e V. e, in estate, anche da un cane da guardia per gli uccelli. Le specie di uccelli che vengono qui non si contano quasi.
  8. Norderoog, è anche conosciuto come “Vogelhallig”. Nel 1909 l’associazione Jordsand and V acquistò questo hallig con l’intenzione di farne un santuario degli uccelli. Grazie alle donazioni e al lavoro di giovani volontari, qui sono stati costruiti argini in pietra e si è rallentato il costante rischio di alluvioni. A Norderoog vivono circa 14 specie di uccelli nidificanti, di cui 6 in via di estinzione e, con loro, viveva anche il leggendario custode dell’hallig Jens Wand che dopo aver vissuto qui 40 anni non è mai tornato da una passeggiata nelle pianure fangose della zona.
  9. Oland si estende su una superficie di circa 2 chilometri quadrati e conta una ventina di residenti distribuiti in 18 case su un unico terp. La particolarità di questo hallig è che qui si trova l’unico faro costruito in paglia di tutta la Germania.
  10. Sudfall è l’altro hallig su cui regna la presenza degli uccelli marini. La proprietà fa parte dell’associazione Jordsand dal 1957 e qui sono consentite un numero limitato di gite giornaliere. Solo in estate arrivano due abitanti: un ingegnere e sua moglie che fanno compagnia a 15 specie di uccelli marini: gabbiani reali, sterne artiche, solo per citarne un paio.

Wienerwald: la foresta viennese, riserva della biosfera dell’UNESCO

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, Vienna ha un polmone verde fatto di boschi, vigneti e prati a ovest della città. Si estende dai quartieri periferici della città fino alle campagne della Bassa Austria. Si tratta del Bosco Viennese, una delle 727 Riserve della Biosfera UNESCO al mondo ma l’unica, almeno tra quelle europee, situata ai margini di una metropoli. Si estende su una superficie di circa 105.000 ettari, su sette dei 23 comuni viennesi e su 51 comuni della regione della Bassa Austria.

È un territorio dove l’uomo e la natura convivono e beneficiano l’uno dell’altro. L’intreccio di foreste e aree di insediamento, così come i contrasti tra le aree rurali e le metropoli, producono condizioni naturali speciali e allo stesso tempo rappresentano una grande sfida. L’obiettivo è proteggere gli habitat naturali e le specie vegetali e animali creando le condizioni per uno sviluppo responsabile.
Oltre il 60% della superficie è ricoperta da foreste, il cui effetto sul bilancio climatico, aria e acqua è fondamentale per l’intera area metropolitana.
Il Wienervald in tutte le stagioni è un’area ricreativa molto amata dai residenti, meta di gite ed escursioni in tutte le stagioni: in primavera, quando compaiono le primule e il bosco profuma di aglio orsino; d’estate, quando diventa un’oasi di frescura dove rifugiarsi dal caldo cittadino; in autunno, quando il fogliame trasforma il verde delle foglie in giallo e rosso. Ma anche in inverno, con alberi spogli, i suoi paesaggi hanno un fascino irresistibile.

Wienervald sentiero
Foto di Katharina Jankele da Pixabay

Oltre a boschi, prati e vigneti caratterizzano il paesaggio. Ci sono 33 associazioni forestali e 23 praterie aperte, in cui vivono animali e piante molto specifici. Nei prati asciutti, ad esempio, si possono trovare pulsatille e adonidi gialli. L’iris siberiano e la genziana di palude crescono nei prati umidi. Con una varietà di 70 specie vegetali e 560 specie animali per ettaro, i prati magri non solo mostrano una ricchezza inaspettata, ma sono anche particolarmente belli grazie alle vistose fioriture.

Ci sono poi piccole torbiere, oggi rarefatte, habitat di orchidee, anfibi, libellule, cicale e molti altri insetti. Agli occhi di escursionisti e amanti della natura, i colorati prati del Bosco Viennese sono l’immagine originale della “natura incontaminata”, ma tutti questi prati e pascoli esistono solo grazie a secoli di coltivazione da parte dell’uomo. Con la scomparsa dell’uso agricolo, il prato ritornerebbe allo stato di bosco, attraverso varie fasi evolutive. Infine ci sono i vigneti: i paesaggi vitivinicoli hanno motivato la designazione del Wienerwald come riserva della biosfera dell’UNESCO.

Sulle pendici soleggiate del Bosco Viennese, la viticoltura disegna il paesaggio, insieme a alberi da frutto, siepi e muretti a secco, quest’ultimo anche habitat naturali sorprendenti.